ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

7/7/2024

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Sanzioni e controsanzioni sono la conseguenza sul piano della guerra economica del processo di deglobalizzaizone conflittuale tra blocco dei regimi autoritari e quello delle democrazie. Da un lato, c’è la ricerca di un limite, sintetizzabile come sostituzione del decoupling da parte di un più selettivo derisking: un bipolarismo con confini economici troppo duri e generalizzati è pericoloso sia per il G7 sia per la Cina, ambedue densi di aziende globalizzate, Pechino con un enorme problema di sovracapacità che non le permette di ridurre l’export. Dall’altro, la tendenza prevalente sul lato dell’alleanza tra democrazie, spinta dall’America, è comunque di inasprire la deterrenza economica come strumento offensivo per bilanciare una postura solo difensiva (contenimento) sul piano del conflitto cinetico diretto. In questo macrocontesto c’è il problema specifico di Germania ed Italia, ambedue basate su modelli export-led, che hanno presenze industriali e finanziarie rilevanti nel blocco autoritario sempre più vulnerabili a restrizioni sanzionatorie e a controsanzioni. Per l’Italia il problema è più in Russia: circa 200 aziende italiane lì residenti via controllate locali. Per la Germania è più in Cina. Nel periodo 2014 – 2021 l’Italia ha subito danni notevoli alla sua economia per la riduzione dei flussi commerciali con la Russia, aumentati dopo la guerra aperta russo-ucraina dal febbraio 2022. La Germania molto di più e, dal 2017 (delibera bipartisan in America che la Cina è un nemico, oggi non modificata), con rischi crescenti per la sua posizione non facilmente smontabile in Cina.
Ciò spiega il tentativo della Germania di moderare i dazi europei (quelli americani al 100%) sull’importazione di auto cinesi nell’Ue di cui parte è tedesca. E spiega la pressione italiana per ottenere dall’Ue una compensazione per i danni subiti da sue aziende a causa di controsanzioni russe. Tale obiettivo è stato ottenuto nel recente 14° pacchetto Ue di sanzioni contro la Russia che le espande ed indurisce facendo prevedere, appunto, un aumento delle contro sanzioni russe verso europei. Nei seminari in materia ho raffreddato i tanti industriali e politici italiani che invocavano la fine delle ostilità in Ucraina e la ripresa di relazioni con Mosca: la probabilità è bassa perché America ed Ue non accetteranno la proposta russa di rendere l’Ucraina Stato cuscinetto fuori da Nato e Ue, pur perseguendo una tregua. Molti hanno reagito convinti che un eventuale vittoria di Donald Trump calmerebbe il fronte. Ma ho controreagito invitando a distinguere il linguaggio di campagna da futuri comportamenti reali: non è escluso che Trump possa chiedere a Mosca di rompere con la Cina, permettendo di circondarla, in cambio di concessioni sul fronte europeo, ma al momento è ipotesi troppo astratta. In altri seminari con tematica globale dove gli esperti notavano l’inefficacia delle sanzioni contro un sistema sino-russo molto vasto e reattivo, citando la buona crescita economica della Russia, ho fatto notare che un’economia di guerra nel breve può dare tale risultato, ma nel medio tende ad implodere. Inoltre le sanzioni secondarie alla Cina in caso di aiuto bellico alla Russia hanno ridotto le relazioni sino-russe “aperte”, pur continuando quelle “chiuse”. In sintesi, le sanzioni hanno effetti. In conclusione, tornando al problema italiano, è più realistico predisporre una sistema di compensazione finanziaria per le aziende controsanzionate in Russia, riesplorando l’impiego dei circa 300 miliardi circa sequestrati alla Russia e giacenti nell’Ue.                     

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

Come ridurre il costo di eventi meteo estremi

Convergenza euroamericana vs. autonomia strategica Ue

L’Ue è importante oltre sé stessa


Un futuribile Song sostituivo dei Brics

I motivi per meno pessimismo e più ottimismo

Serve una nuova Bretton Woods (digitale)

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi