ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

31/3/2024

Più risparmio verso investimenti produttivi

È evidente, analizzando i dati correnti inserendo anche la discontinuità della rivoluzione tecnologica, che per l' economia italiana sia necessario trasferire più risparmio su investimenti produttivi. Parte di questa priorità riguarda la facilitazione della quotazione di aziende medio/piccole per ingrandirle o comunque capitalizzarle. C'è una tendenza in avvio.
Ma una parte maggiore riguarda il flusso di capitale trasferibile a investimenti sulle imprese via fondi chiusi di investimento.
Qui la tendenza non appare sufficientemente crescente per le fonti italiane di capitale mentre aumenta l' attività di (grandi) fondi chiusi non italiani e con capitale globale sul mercato italiano. La
quantità complessiva di investimenti appare inferiore alla stima del fabbisogno di capitalizzazione delle piccole/medie imprese italiane compatibili con i requisiti di investimento da parte del capitale privato ed eventualmente quotabili: i dati disponibili a chi scrive indicano un numero di circa 4.000, ma è probabile sia maggiore Nei dati recenti, inoltre, è osservabile una crescente disponibilità
delle proprietà famigliari ad aprire l'equity, anche cedendo la maggioranza, sia per motivi di indisponibilità dei parenti più giovani a continuare l' attività d'impresa sia per la consapevolezza
di dover ingrandire l' azienda per sostenere sia la concorrenza sia l' innovazione tecnologica dei prodotti e dei processi produttivi.
Infatti, tale percezione sta incrementando il numero di attori finanziari italiani che offrono investimenti di capitale privato. Ma resta un' insufficienza nel trasferimento del capitale di risparmio italiano (il terzo per volume nel pianeta) verso investimenti produttivi nell' economia italiana dove prevale la piccola/media impresa.
La valutazione degli interessi mostra la possibilità di armonizzazione tra quello sistemico e privato. Il primo è di incrementare la crescita del pil via maggiore competitività e scala delle aziende italiane. Il secondo è di aumentare le rendite per i portafogli privati grazie al potenziale delle aziende italiane se ben gestite e capitalizzate. Quindi per aumentare il flusso di risparmio verso fondi chiusi di investimento o simili sembra razionale proporre due misure per i risparmiatori classificati come retail.
Prima: inserire nell'educazione finanziaria una spiegazione precisa di come funzioni un fondo chiuso di investimento, enfatizzando la sua natura regolata e leggibile, caratteristica non sufficientemente
nota.
Seconda: creare un mercato secondario per lo scambio di quote dei fondi chiusi nel caso di necessità imprevista di liquidità. Il rischio di sconto sullo scambio?
Può essere minimizzato proprio dall'esistenza di un tale mercato secondario trasparente in Italia.
E per il venture capital? Rimbomba la frase di Mario Draghi: nascono in Italia start p eccezionali, ma poi devono migrare all'estero, o chiudere, per gap di capitale residente. Anche per questo settore va trovata una soluzione rapida.

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi