ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

23/6/2024

I motivi per meno pessimismo e più ottimismo

Annoto con soddisfazione che la percezione del rischio politico relativo alla coesione dell’Ue che si è impennata nella settimana dopo le elezioni europee tende a ridursi entro parametri realistici. Il mio gruppo di ricerca si è unito nei giorni scorsi agli attori finanziari, e loro consiglieri, che suggerivano parametri valutativi, appunto, realistici e non isterici: non c’è un rischio di finis Europae sul piano della politica interna dell’Ue pur non escludendo brevi momenti di turbolenza. Tuttavia, questa posizione ha portato maggiore attenzione – nei videoincontri tra think tank – su: a) la capacità prospettica dell’Ue ed Eurozona di aumentare la convergenza economica delle sue nazioni; b) di produrre una sufficiente deterrenza contro l’aggressività della Russia; c) di incrementare/difendere la competitività globale delle sue aziende; d) di includere nell’Ue altre nazioni.
Nelle interlocuzioni ho premesso una visione macro sul comportamento tipico delle democrazie misurabile da quasi un secolo, pur con alcune eccezioni: tendono a reagire con compattazione di fronte a rischi sistemici pur avendo difficoltà ad agire per prevenirli a causa delle varietà di opinioni interne. Semplificando, le democrazie tendono a reagire in modi forti ai rischi solo quando prendono evidenza, ma quando questa c’è agiscono. Ciò permette di ipotizzare con probabilità prevalente le risposte alle incognite di scenario. Prima: pur difficile che si arrivi ad una convergenza confederale dell’Ue e ad un un’unione del mercato dei capitali, vi saranno convergenze, via compromessi, su programmi specifici che miglioreranno la coesione di Ue ed Eurozona. Intravedo la riedizione del metodo funzionalista – adottato dalla Comunità fino a prima del Trattato di Maastricht (1992) che generò l’Ue – che privilegiava il pragmatismo. Seconda: la Nato resterà solida, i timori di una presidenza Trump sono esagerati perché anche l’americanismo si rende conto che senza Europa l’America perderebbe centralità globale. E viceversa. Terza: il sistema economico europeo è meno arretrato di quanto si pensi, pur avendo un gap di scala e di capitalizzazione delle innovazioni, e troverà spazio di crescita nel consolidamento del G7. Quarta: la tendenza inclusiva dell’Ue toccherà gradualmente i Balcani e nel medio periodo è probabile porti ad un trattato di libero scambio con il Regno Unito e ad un rafforzamento delle relazioni economiche con le nazioni del Mediterraneo costiero e profondo, questo spinto molto dall’Italia e dall’America. In generale, appare oggi più probabile nello scenario di deglobalizzazione conflittuale e riglobalizzazione selettiva che la seconda attuata dall’alleanza delle democrazie sarà grande abbastanza per compensare i problemi della prima, pur inevitabili le turbolenze causate dalla configurazione bipolare del globo. Pertanto raccomando agli attori finanziari di mettere un limite al pessimismo, pur in una logica prudenziale, e di dare più spazio all’ottimismo.              

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

Come ridurre il costo di eventi meteo estremi

Convergenza euroamericana vs. autonomia strategica Ue

L’Ue è importante oltre sé stessa


Un futuribile Song sostituivo dei Brics

I motivi per meno pessimismo e più ottimismo

Serve una nuova Bretton Woods (digitale)

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi