ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

17/7/2023

La priorità di una dedebitazione parziale secca

L’aumento del debito dovuto a quello assunto dal Pnrr e l’incremento del costo di rifinanziamento causato dall’aumento dei tassi, mette in priorità la ricerca di opzioni per ridurre almeno una parte del debito stesso via operazioni “patrimonio pubblico contro debito” non recessive. Sarebbe recessivo, infatti, aumentare il volume di spesa pubblica per servire il debito a scapito di investimenti e detassazioni stimolative in un periodo 2023 – 2025 dove è probabile una bassa crescita del Pil italiano, forse riuscendo ad evitare momenti recessivi, ma difficilmente un andamento stagnante dell’economia che potrebbe diventare duraturo, ipotesi di scenario questa, corroborata dai dati tendenziali correnti. La teoria lapalissiana della dedebitazione recita che bisogna aumentare la crescita reale per ridurre il debito in rapporto al Pil. Ma senza una maggiore fiducia sul debito italiano fondata su una sua pur parziale, ma significativa, riduzione, manca la condizione di spazio fiscale (detassazione ed investimenti) per accendere più crescita. Tale impostazione è contrastata da chi predica che solo una crescita più forte è la soluzione, sottovalutando il passo preliminare della dedebitazione parziale stessa. Inerzia politica? Difficoltà tecniche? Timore che una riduzione secca del debito poi porti la politica a fare più spesa pubblica dissipativa che a risanare il bilancio statale?  Comunque sia, la sottovalutazione della riduzione secca di almeno una parte del debito non deve essere più fatta, anche perché la riduzione secca di parte del debito è possibile tecnicamente.

Quale dimensione dell’operazione può produrre un effetto fiducia propilusivo? Un calcolo spannometrico indica circa 600 miliardi nell’arco di 10 anni, considerando che l’annuncio di un programma credibile prospettivo avrebbe un effetto immediato sul rating, costo di servizio del debito, capacità negoziale dell’Italia nell’Ue sull’aumento della fiducia dei mercati sull’Italia. Con quale soluzione? Banca Intesa ha calcolato e comunicato con enfasi un potenziale ricavo di 500 miliardi del patrimonio immobiliare pubblico se gli immobili trasferiti agli enti locali, oltre che statali, venissero raggruppati in un unico gruppo di fondi. Vendita diretta? La formula che chi scrive preferisce, anche osservando la lentezza delle alienazioni dirette da parte della funzione statale dedicata, è l’acquisto da parte di tale fondo del patrimonio immobiliare pubblico non con cassa, ma con azioni del fondo stesso caricate di potenziale di rendimento da mettere al servizio della dedebitazione. Gli altri 100 miliardi sono ricavabili da un migliore sfruttamento delle concessioni: l’obiettivo è portare il debito verso il 100% del Pil con una formula che dia fiducia prospettica al mercato, nel contempo non appesantendo il potenziale di crescita del Pil. Altre opzioni? Il prestito irredimibile secolare allo Stato con pagamento di interessi, ma senza ritorno del capitale, ha limiti di scala e di concorrenza ai titoli di Stato. L’aumento del possesso dei titoli posseduti nazionalmente, con premio per i residenti, implica la sovranità monetaria e un metodo di sterilizzazione del debito – come in Giappone- che provoca distorsioni nell’economia. Un po’ è utile per prevenire il rischio di speculazioni esterne, ma non troppo. Cerchiamo di progettare bene la via più semplice, credibile e misurabile: patrimonio contro debito. 

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi