ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

9/6/2024

L’Ue è importante oltre sé stessa

Il destino configurazionale dell’Ue e dell’Eurozona non è solo un interesse degli europei, ma anche (ovviamente) delle élite delle nazioni G7 e loro dintorni compatibili, soprattutto, in materia di “safe asset” finanziari globali futuri. In un recente seminario “largo” ho presentato il seguente (macro)scenario previsionale/strategico con orizzonte ventennale, dal 2025, e con una prima tappa verso il 2030.
Dopo le elezioni l’Ue resterà meno di un’unione, ma aumenterà il livello di alleanza su specifici programmi per l’interesse comune del più delle sue nazioni a collaborare per reggere le molteplici sfide geopolitiche, della rivoluzione tecnologica e di reindustrializzazione competitiva. Tale evoluzione colmerà una parte del gap confederale – l’unione monetaria ne implica una fiscale – configurando una Ue sufficiente per la sua compattezza interna, pur incompleta. Ma tale compattazione sufficiente porterà ad un’Europa più convergente, aperta, o divergente, chiusa, verso gli alleati esterni? Risposta: la probabilità maggiore è che l’Ue sarà più convergente perché se sola sarebbe troppo piccola per reggere alle nuove sfide, alla condizione però che l’America dimostri altrettanta convergenza. E ciò è probabile, pur con sussulti contrari temporanei, perché un’America senza Europa non potrebbe mantenere la propria centralità mondiale. Questa ipotesi positiva, tuttavia, non è sufficiente se alla convergenza euroamericana non corrispondessero sia un allargamento del G7, oltre che sua compattazione economica, sia l’inclusione preliminare di altre democrazie e nazioni compatibili. Semplificando, l’obiettivo di una “Grand Strategy” prospettica proposta dalle élite finanziarie ai governi dovrebbe essere: a) completare il reticolo di accordi di libero scambio tra tutte le nazioni G7 mancando quello tra Ue ed Usa e quello tra Ue e Regno Unito entro il 2030; b) includere nel perimetro indiretto del G7 via accordi selettivi di partenariato nazioni come India, Indonesia, Filippine, Brasile ed alcune africane, ecc.; c) includere nel G7 il prima possibile Australia – connessa con un accordo alla Nuova Zelanda – e Corea del Sud. Per inciso, in tale contesto l’Italia dovrebbe prendere un ruolo pilota verso l’Africa in collaborazione con America ed Ue mentre l’America dovrebbe agire con più convergenza bilaterale verso Arabia, Israele e Messico, ecc. La “Grand Strategy” dovrebbe prevedere l’aumento della deterrenza di tutto il blocco democratico, ma anche una capacità di salvazione economica nel caso di possibili implosioni economiche di Russia (possibile) e Cina (non escludibile). La concretizzazione di tale alleanza espansiva delle democrazie richiede la creazione di una metamoneta (credit) basata sulla convergenza di dollaro, euro, yen e sterlina a cui ancorare come “safe asset” sia altre monete sia azioni d’emergenza sia investimenti comuni futurizzanti nonché di contrasto alla povertà. Questa bozza di piano strategico ha il nome di Nova Pax.                      

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

Come ridurre il costo di eventi meteo estremi

Convergenza euroamericana vs. autonomia strategica Ue

L’Ue è importante oltre sé stessa


Un futuribile Song sostituivo dei Brics

I motivi per meno pessimismo e più ottimismo

Serve una nuova Bretton Woods (digitale)

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi