ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

2/6/2024

Convergenza euroamericana vs. autonomia strategica Ue

Premessa. Nel 2007 presentai a Washington il libro The Grand Alliance (Angeli, 2007) ad élite statunitensi sia repubblicane sia democratiche. Il punto – di geopolitica economica - era che l’America, pur superpotenza, non aveva più la scala per dominare da sola il sistema globale facendo prevalere le regole delle democrazie. Inoltre non c’era una nazione democratica che potesse esserne il successore. Quindi l’America avrebbe dovuto rinforzare (l’allora) G8 trasformandolo in mercato comune progressivo (Free Community) ed inclusivo di altre nazioni compatibili.  La reazione fu negativa non tanto per lo scenario, ma per l’impossibilità percepita da un politico statunitense di comunicare all’elettorato che l’America fosse ormai piccola. Tuttavia, alcuni miei ex studenti che lavoravano per John McCain per le presidenziali 2008 mi chiesero una sintesi, togliendo la Russia, perché stavano preparando il concetto di “Lega delle democrazie” a guida americana. Altri ex studenti di campo democratico mi chiesero un’opinione aggiornata, a fine 2012, sull’idea che Barack Obama stava preparando – e che annunciò nel febbraio 2013 - di creare due mercati amerocentrici, uno atlantico (Ttip) ed uno nel Pacifico (Tpp) che escludessero Cina e Russia. Risposi che prima bisognava creare un nucleo G7 economicamente integrato senza cercare di mantenere divisi gli alleati dell’America nel Pacifico e gli europei allo scopo di rinforzare il progetto. Questo fallì durante l’Amministrazione Trump. Ma Giappone e Canada siglarono trattati commerciali con l’Ue oltre che con l’America. La Germania propose già nel 2007 un accordo euroamericano finanziario e per standard comuni, ignorato dall’Amministrazione Bush, ma continua – via Partito popolare – a proporre un accordo Ue/America. L’Amministrazione Biden è più morbida di quella Trump, ma ne continua la linea americanista. Che è sbagliata in prospettiva geoeconomica sia per l’America sia per i suoi alleati.
Scenario 2032. L’America si accorgerà che dovrà cedere almeno un minimo di sovranità imperiale agli europei ed al Giappone per reggere il confronto bipolare con il sistema sinorusso, dare speranza di inclusione al Sud globale nel mercato delle democrazie ed evitare, via effetto scala, un conflitto bellico con i regimi autoritari. Se ne accorse, pur con modi diversi in tempi differenti, Kissinger quando propose nel 1973 il passaggio dal potere globale americano singolo ad uno collettivo per evitare uno sforzo insostenibile a carico dell’America. In questa prospettiva sarebbe importante che il linguaggio di “autonomia strategica europea” si limitasse ad una maggiore responsabilità negli affari globali e non si spingesse verso una divergenza euroamericana che, oltre ad aumentare l’instabilità, avrebbe un impatto pesante sul ciclo finanziario con conseguenze impoverenti. La compattazione economica del G7 e la sua estensione è la giusta risposta. Anche una nuova Amministrazione Trump o Biden se ne accorgeranno.                    

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

Come ridurre il costo di eventi meteo estremi

Convergenza euroamericana vs. autonomia strategica Ue

L’Ue è importante oltre sé stessa


Un futuribile Song sostituivo dei Brics

I motivi per meno pessimismo e più ottimismo

Serve una nuova Bretton Woods (digitale)

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi