ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

31/12/2023

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

 Esoeconomia. Si stanno cumulando i motivi realistici per produrre in assenza di gravità materiali con superprestazioni non raggiungibili dalla fabbricazione in ambienti con gravità. Ciò apre la possibilità di non far dipendere la proiezione nello spazio extraterrestre solo da investimenti per la superiorità militare e per il controllo della superficie del pianeta Terra, finora prevalenti, nonché per le reti di comunicazione. Si apre pertanto la possibilità di investimenti privati per creare esohabitat con vocazione industriale. Per esempio, sensori capaci di operare in temperature estreme – freddo o caldo – perché la loro produzione in assenza di gravità crea una distribuzione atomica tale da renderli iper-resistenti. L’interazione tra il gruppo dello scrivente e la ricerca sugli esomateriali ne ha individuato centinaia di possibili, in crescendo. Il gruppo ha appena costituito una sezione Asimov dedicata all’esoscenaristica.
La scienza corrente mostra che gli umani non possono resistere per troppo tempo in esohabitat senza gravità e schermi contro le radiazioni cosmiche. L’ipotesi di creare robot con sufficiente intelligenza artificiale per svolgere compiti produttivi non è stata scartata, ma è stata integrata dalla necessità di avere nello spazio equipaggi umani portatori della capacità di correggere eventuali gap dei robot e generare adattamenti. Come farli sopravvivere o evitare loro danni medici pesanti? Interazioni con la fisica, medicina ed ingegneria hanno fatto ipotizzare al gruppo di economisti che il problema da risolvere era quello di individuare un tesoro sufficientemente grande da spingere la ricerca a risolvere il problema. La prospettiva della superiorità eso per deterrenza sulla Terra e future battaglie nello spazio orbitale, e dietro di esso nello spazio profondo, è stato valutato certamente un tesoro, ma non necessariamente il solo sufficiente. Appunto, il tesoro va integrato da super oggetti esofabbricati e vendibili sulla Terra, tale linea di scenario più continua, espansiva e sostenibile con capitale di investimento che richiede ritorni. Un primo calcolo delle tempistiche ha fatto ipotizzare che ci vorrebbe una fase intermedia come propellente per l’esoindustrializzazione. Un ricercatore ha fatto notare che forse l’annuncio dell’esistenza di un asteroide con tutti i materiali preziosi possibili è stato fatto per spingere via esoavidità la ricerca di astronavi capaci di gravità artificiale e schermi antiradiazioni, sicure per equipaggi umani. Ma queste dovrebbero essere costruite in cantieri spaziali perché il farle sulla Terra le renderebbe troppo pesanti o piccole ed il portare i pezzi nello spazio comunque troppo costoso. Quindi esocantieri. Il programma Artemis, in esecuzione ravvicinata con finalità di creare basi lunari, potrebbe essere un primo passo da cui individuare la tecnologia per esocantieri in orbita attorno alla Luna. Ed esofonderie per metalli presi dagli asteroidi. Esoauguri.            

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi