ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

21/4/2024

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Da tempo arrivano ai centri di analisi economica e di geopolitica economica dati dall’ingegneria nucleare che mostrano un’evoluzione dei mini reattori a fissione di 4° generazione: promette efficacia, efficienza, sicurezza intrinseca e bassi costi di costruzione via standardizzazione, nonché il riuso di scorie radioattive generate dai reattori di generazione precedente che ne favorisce lo smaltimento. Si apre l’era del nuovo nucleare, anche caratterizzata da un iniziale spostamento, visibile da almeno da un biennio, degli investimenti privati di venture capital sulla nuova tecnologia nucleare. 
Il mio gruppo di ricerca partecipa ad un consorzio di think tank nell’area euroamericana e G7 che vuole armonizzare la produzione di energia pulita ed il probabile aumento della sua domanda richiesto dalla necessità di ecoadattamento al cambiamento climatico in atto – il riscaldamento globale è certo mentre le cause sono ancora oggetto di precisazione -  con il problema di lasciare al sistema economico ancora dipendente dai combustibili fossili il giusto tempo di adeguamento, evitando stress distruttivi. Lo scenario preliminare calcola in 30-40 anni il tempo di sostituzione caratterizzato da una graduale decrescita della domanda di fonti fossili e crescente offerta di energia pulita. La formula per arrivare alla sostituzione distingue tre tipi di fonti: a) continue, diffuse; b) continue, ma localizzate; c) intermittenti. Tra le prime spicca il nucleare a fissione di nuova generazione e l’idrogeno, questo utile per produrre e-fuel utilizzabili dai motori termici. Tra le seconde ci sono l’eolico, il geotermico e l’idroelettrico, ma efficienti solo in zone specifiche. Nel terzo gruppo c’è il solare che per la sua dipendenza dall’irradiazione va visto come fonte integrativa, non primaria. L’inserimento del criterio di geopolitica economica suggerisce l’accelerazione di tutte le fonti citate per ridurre possibili ricatti, soprattutto a danno dell’Ue, da parte dei produttori di combustibili fossili. Se si aggiunge il criterio di urgente competitività dell’industria europea (decrescente) che implica una riduzione dei costi energetici, si ottiene la conferma della necessità di una tale accelerazione, soprattutto, del nucleare fissile di nuova generazione. Il gruppo di ricerca ha anche analizzato se tra questo nuovo mini nucleare e la nuova tecnologia di fusione – si pensi ad un sole in scatola senza scorie – vi sarà staffetta o concorrenza. I dati rendono probabile sia staffetta sia integrazione tra grandi centrali a fusione e mini a fissione di nuova generazione. In sintesi, le seconde da accelerare, realisticamente nel 2025 nell’Ue, ma iniziando già ora in ogni nazione a preparare un “Piano (Enrico) Fermi” organizzato per integrare facilitazioni statali e più investimenti privati. Tale piano sarebbe coerente sia con la scossa all’Ue sollecitata da Mario Draghi sia con l’appello a non dormire nel settore tecnologico da parte di Paolo Savona.                      

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

Come ridurre il costo di eventi meteo estremi

Convergenza euroamericana vs. autonomia strategica Ue

L’Ue è importante oltre sé stessa


Un futuribile Song sostituivo dei Brics

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi