ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

30/6/2024

Serve una nuova Bretton Woods (digitale)

In un recente convegno presso la millenaria Biblioteca Capitolare di Verona il Prof. Paolo Savona mi onorò come erede nell’area di ricerca della “Geopolitica economica e finanziaria” da egli fondata (insieme al Prof. Carlo Jean) di fronte a testimoni eccezionali, i professori Donato Masciandaro e Rainer Masera. Quel pomeriggio, un po’ emozionato, ma operativo, contattai i miei ricercatori che proseguivano il programma “deglobalizzazione conflittuale e riglobalizzazione selettiva”, avviato nel 2013, chiedendo loro di enfatizzare la riglobalizzazione trovando una scala sufficiente di ingegneria istituzionale internazionale, ed alleanza, per sostenere un safe asset finanziario grande e solido abbastanza per rafforzare la fiducia prospettica nel mondo delle democrazie, avendo in mente una futura metamoneta che le integrasse (credit).
Mentre scrivevo insieme a Savona i libri “Sovranità e ricchezza” (2001) e “Sovranità e fiducia” (2005) annotai le perplessità di questo maestro sulla sostituzione dell’oro (1971) come pilastro della certezza finanziaria da parte di monete più sensibili ai fattori politici. Non come necessità della sostituzione per motivi di espansione economica, ma come timore di una riduzione della fiducia. Temeva sia inflazione sia disordine e puntava ad un’evoluzione molto forte della regolazione da parte di autorità monetarie indipendenti e massimamente competenti. Io aggiunsi il timore di un conflitto tra politica fiscale e monetaria e la necessità di far convergere gli Stati verso una funzione comune sia espansiva sia ordinativa. Per inciso, il termine “sovranità” non invocava sovranismi nazionali, ma la relazione compatibile tra politiche nazionali e architettura internazionale per la produzione della fiducia, cioè un nuovo safe asset. In materia ed in cronaca, oggi, i miei ricercatori hanno annotato la necessità di calibrare una maggiore compattazione dell’Ue – necessaria per compensare il gap tra politica fiscale e monetaria - con una Grand Strategy che però non chiuda l’Ue e l’Eurozona all’integrazione futura con le altre nazioni del G7 ed altre compatibili. Un vero safe asset per gli europei implica non una Ue supernazione, per altro difficile da ottenere nel futuro prevedibile, ma un’architettura geopolitica convergente e coerente molto più ampia. In caso contrario un safe asset solo europeo sarebbe troppo piccolo. La giusta architettura per la sicurezza economica e finanziaria di lavoratori e risparmio è un’alleanza progressivamente più coerente tra G7 che permetta la creazione di una metamoneta unica (elettronica) tra dollaro, euro, yen e sterlina capace di regolare dall’alto i prodotti finanziari in basso. La ricerca continua avendo come oggetto problematico la politica estera statunitense.  Ma sta crescendo la probabilità che sia il dollaro sia l’euro abbiano necessità di una convergenza metamonetaria. E di una Nova Pax come successore di Bretton Woods (1944) e dell’oro come pilastro finanziario.                        

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

Come ridurre il costo di eventi meteo estremi

Convergenza euroamericana vs. autonomia strategica Ue

L’Ue è importante oltre sé stessa


Un futuribile Song sostituivo dei Brics

I motivi per meno pessimismo e più ottimismo

Serve una nuova Bretton Woods (digitale)

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi