ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

10/12/2023

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

L’annuncio di una credibile operazione “patrimonio pubblico contro debito”, con orizzonte temporale tra i 10 e 15 anni per un ammontare di circa 200 – 250 miliardi da parte del governo italiano, avrebbe probabilmente migliorato la posizione italiana in sede di negoziato sul nuovo Patto di stabilità europeo. Forse non c’è stato il tempo per tale proposta che implica un’architettura innovativa e complessa. Per intanto il governo italiano ha messo in campo un’operazione più piccola di dismissioni “secche” per scopi di equilibrio del bilancio statale a breve. Ma comunque resta prioritario per il risanamento del ciclo del capitale nazionale il tema di una dedebitazione con effetti sostanziali e mezzi credibili.
Dalla fine degli Anni 90 chi scrive invoca la creazione di un Fondo italiano di bilanciamento (Fib), di proprietà statale, a cui lo Stato conferisce una parte del patrimonio pubblico disponibile con scopo di valorizzazione e dismissione finalizzata a ridurre il debito pubblico. Tale proposta non trovò ascolto ai tempi da parte di chi credeva, con posizione conformista, che il costo di rifinanziamento del debito sarebbe stato sempre contenuto e decrescente. Fu fatto un errore catastrofico misurabile in impoverimento del sistema italiano. Ora deve essere riparato attraverso la messa in priorità di una dedebitazione non recessiva, che incrementi nel tempo lo spazio fiscale utile ad investimenti, detassazione e sostenibilità dei costi pensionistici. Ed a un aumento del voto di affidabilità dell’economia italiana da parte delle agenzie di rating che è fattore rilevante per la riduzione dello spread e per limitare il possesso solo nazionale del debito italiano che drena risorse di risparmio al ciclo degli investimenti privati. Quindi – sfondando porte aperte su queste pagine attente al problema del “tagliadebito” – va segnalata al governo la priorità di un Fib. Una simulazione macro fatta dal gruppo di ricerca dello scrivente ha individuato come cifra di dedebitazione sufficiente per effetti benefici sistemici la valorizzazione/dismissione di 200 – 250 miliardi di patrimonio pubblico disponibile (immobili, partecipazioni e concessioni nominalmente sui 600 – 700 miliardi) in 10 – 15 anni. La norma che affida agli Enti locali (che non lo stanno valorizzando) parte di questo patrimonio non è un ostacolo per montare il Fib perché superabile da un meccanismo “multicomparto” di compensazioni interne. Al governo servono miglioramenti a breve dello spread e del rating mentre l’operazione patrimonio contro debito è di lungo termine? Qui il punto è la credibilità dell’operazione. Se è credibile, e combinata con disciplina di bilancio, vi sarà un effetto feedforward che anticipa il risanamento della finanza pubblica italiana. Tempi per progettare un Fib credibile? La valutazione dei dettagli tecnici richiede non meno di sei mesi. Ma l’annuncio della volontà politica potrebbe essere anticipato con effetti benefici preliminari. 

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi