ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

27/2/2024

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

Chi scrive ha annotato la riluttanza delle società di riassicurazione a coprire le assicurazioni private contro i disastri ambientali, queste sollecitate dai governi per ridurre il costo dell’intervento pubblico per il ripristino di sistemi impattati. Tale riluttanza è dovuta a motivi razionali: il recente aumento dei costi di rimborso per l’incremento della frequenza di eventi estremi, ma, soprattutto, la difficoltà di calcolare il rischio (probabilità di un evento in relazione al danno stimato) per area territoriale. Il cambiamento climatico tende provocare alluvioni (e siccità) di estrema intensità con frequenze che tendono ad eccedere la loro computabilità e localizzazione. Qual è una possibile soluzione economicamente e finanziariamente sostenibile?
Il tema è rimasto finora sotto soglia di attenzione per l’illusione che la decarbonizzazione potesse ridurre l’intensità dei fenomeni metereologici distruttivi oppure per la sensazione che il mutamento climatico avesse ritmi ed impatti più lenti e meno violenti o estesi. Dati recenti, invece, fanno ipotizzare che l’aumento delle temperature a livello planetario potrebbe essere non contenuto entro il limite di 1,5 gradi nel lungo periodo. Il motivo è, semplificando, che l’azione decarbonizzante accelerata (che riduce i gas serra) trova ostacoli di sostenibilità economica. La disarmonia e non sincronia tra ecopolitica di transizione ed economia produttiva è evidente nell’Ue che si è posta obiettivi decarbonizzanti anticipati, anche per l’esigenza di ridurre la dipendenza da combustibili fossili di cui non è produttrice. Il resto del mondo ha obiettivi di riduzione dei gas serra molto più labili. Pertanto affidarsi alla sola decarbonizzazione per la sicurezza territoriale, pur azione da perseguire, non appare un fattore sufficiente di riduzione del rischio. Ciò apre la strada all’ecoadattamento, cioè ridurre la vulnerabilità dei territori ad eventi estremi, come azione integrativa, probabilmente la più urgente. Cosa significa ecoadattamento? Sul piano micro, ogni unità territoriale dovrebbe attivare contromisure che riducano l’impatto di un evento estremo in modo tale da permettere alle assicurazioni private di poter calcolare il rischio valutando la riduzione di vulnerabilità. Sul piano macro, considerando la tendenza all’aumento dei livelli del mare che potrebbe mettere a rischio il 70% della popolazione mondiale che vive in zone costiere a fine secolo, sarà necessaria una “terraformazione” con scopo di sicurezza se il fenomeno venisse confermato. Si tratta quindi di studiare una collaborazione tra capitale pubblico che investe sulla - o facilita la - riduzione della vulnerabilità degli insediamenti e le assicurazioni private che grazie alla minore vulnerabilità possono tornare a calcolare il rischio, con premi abbordabili, e riassicurarsi. L’Italia, tra i territori con più alto rischio territoriale multiplo del mondo, appare laboratorio per creare con innovazioni tale soluzione.            

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi