ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

IL PUNTO

--

3/12/2023

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La serie delle Cop annuali, è appena terminata la 28 a Dubai, va seguita con attenzione dagli attori finanziari nonostante l’inconcludenza operativa degli accordi internazionali sul cambiamento climatico, per mitigarne l’impatto, perché è una palestra di future convergenze e nuovi standard globali, nonché un terreno di nuove frizioni/cooperazioni geopolitiche. Quest’anno si notano alcune novità che fanno ipotizzare una pur solo iniziale transizione dall’irrealismo all’ecorealismo. Qui una visione selettiva della tendenza più rilevante.

Chi scrive da sempre sostiene – in base ai dati e a proiezioni ecorealistiche elaborati dal suo gruppo di ricerca – di aumentare l’enfasi e gli investimenti sull’ecoadattamento in relazione alla decarbonizzazione pur continuando a perseguirla. Appare evidente, infatti, che la probabilità – in base alle tendenze correnti - di contenere l’aumento della temperatura media nel mondo entro 1,5 gradi è bassa mentre quella che si arrivi ben oltre è più elevata e che in alcune aree del pianeta l’impatto sarà più forte che in altre. Tale evidenza è dovuta alla lentezza prospettica della riduzione dei gas serra: la soluzione di decarbonizzazione accelerata non è compatibile con la possibilità/volontà/sostenibilità economica di cambiamento dei sistemi energetici. Ma vanno inserite nel calcolo anche altre cause del riscaldamento che vengono contestate, ma raccolgono un numero rilevante di consensi scientifici: ciclo solare, spostamento dell’asse terrestre, ecc. In sintesi, non c’è una ragionevole certezza che lo sforzo decarbonizzante possa ridurre sostanzialmente l’impatto sui sistemi umani o che possa farlo in tempi utili. Da qui prende rilievo una maggiore attenzione sull’ecoadattamento. Nella Cop 27 fu lanciato il Global Goal on Adaptation, ma senza dettagli operativi. In sintesi, si tratta di ridurre la vulnerabilità di territori più esposti a rischi di inondazione e situazioni climatiche distruttive. Le nazioni povere chiederanno soldi. Nelle nazioni più ricche sarà possibile avviare programmi di “terraformazione” contro il rischio idrogeologico, agricolo, di viabilità, ecc. Inoltre, servirà energia sia più abbondante (per la microclimatizzazione a costi sostenibili) sia pulita. Questa consapevolezza sta aumentando il consenso per l’energia nucleare a fissione di nuova generazione a sicurezza intrinseca e ad un maggior impiego dell’idrogeno (ancora costoso, ma efficientabile nel medio periodo) come fonti costanti pur mantenendo quelle intermittenti, come solare, eolico, ecc., ad un certo livello integrativo dove, però, sono più efficienti. Il punto: si sta rovesciando la matrice delle fonti portando nucleare ed idrogeno in alto e le intermittenti al secondo posto. Ma sarà un processo lento, attorno ai 30 anni, per la transizione dai combustibili fossili verso le nuove fonti, in alcune nazioni più rapido in altre molto più lento. Tale bozza di scenario implica forti e discontinui mutamenti di indirizzo nel settore degli investimenti, già oggi.              

ARCHIVIO

La forma economica del nuovo mondo bipolare

Allo sviluppo dell’Intelligenza artificiale manca quella individualizzabile

Dall’istruzione al potere cognitivo di massa

La guerra continua

Nonostante il dialogo sino-americano la guerra economica continuerà

La priorità di una dedebitazione parziale secca

Ecco la nuova economia della deterrenza

L’avvio dell’ecoadattamento realistico

La trasformazione dell’immigrazione in capitale

La priorità del nucleare di nuova generazione

Prestito irredimibile vs tassa extraprofitti

Europa estroversa vs Ue introversa

La posta in gioco è il dominio del triangolo India-Mediterraneo-Africa

La ricerca per una nuova (ri)globalizzazione

Più G7 contro le crisi multiple

Verso un triumvirato che salverà l’Ue

Dall’irrealismo all’ecorealismo, lentamente

La priorità dell’operazione patrimonio contro debito

Tardare il taglio dei tassi è un errore

Si intravedono i primi passi di esoindustrializzazione

La crisi del Mar Rosso impone scelte forti all’Italia

La presidenza del G7 come occasione per Roma di imparare il ruolo di esportatore attivo di sicurezza

La difesa della fiducia in un mondo metastabile

La relazione tra capitale e avvio della biocibernazione

La necessità di integrare finanza pubblica e privata per gli investimenti di sicurezza militare

Verso una ristabilizzazione geopolitica globale

Ridurre la vulnerabilità per poter calcolare il rischio

L’irruzione dell’AI implica una rivoluzione cognitiva di massa

Più risparmio verso investimenti produttivi

Serve una scienza della dedebitazione

Il possibile scenario “Dedebiting EU”

Necessario accelerare un Piano Enrico Fermi nell’Ue

Come adattarsi all’ecomutamento

Macron pensa di usare la Cina ma è Pechino che sfrutta lui

L’ambiguità della Bce è un pericolo se non corretta

Basta alluvioni e siccità estreme: è possibile

Come ridurre il costo di eventi meteo estremi

Convergenza euroamericana vs. autonomia strategica Ue

L’Ue è importante oltre sé stessa


Un futuribile Song sostituivo dei Brics

I motivi per meno pessimismo e più ottimismo

Serve una nuova Bretton Woods (digitale)

Compensazioni Ue per le aziende italiane sanzionate dalla Russia

Avviare un’ecopolitica realistica nell’Ue

Avviare un’ecopolitica realistica nell’Ue

(c) Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi