ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2022-8-8L' Arena,
Giornale di Vicenza,
Brescia Oggi

2022-8-8

8/8/2022

Il rischio 2023 appare sovrastimato

Molti scenari fanno temere una recessione nelle economie europea e statunitense nel 2023 e un momento particolarmente critico nell’autunno-inverno prossimi nell’Ue. Analizzandoli, chi scrive rileva che questi non valutano a sufficienza la reattività delle istituzioni e del mercato/società ad una possibile crisi. Da un lato è molto difficile farlo tecnicamente, ma dall’altro se non lo si tenta la stima proiettiva ha lo status di uno che vede piovere e non contempla di aprire l’ombrello che ha. Va anche detto che dopo i fallimenti nel prevedere (e gestire) la crisi finanziaria del 2007/08 le istituzioni e gli analisti preferiscono una postura più guardinga per non farsi poi accusare di aver sottovalutato i rischi. Ma al mercato ed alla gente interessa capire se le tendenze negative individuate possano essere compensate da contromisure: in tal senso l’analisi di reattività dovrebbe sempre accompagnare quella delle tendenze. Per esempio, chi scrive aveva inserito tale analisi nello scenario economico 2021 per l’Italia ipotizzando, anche su queste pagine, una crescita tra il 6 e 7% (poi risultata essere del 6,6%) perché aveva dato un punteggio più alto di quello valutato da altri alla vitalità del mercato e al clima di fiducia generato dalla Bce e dall’Ue. Ora, nell’orizzonte europeo ed italiano dei prossimi 18 mesi ci sono rischi di stagflazione (crescita inferiore all’inflazione), di restrizione del credito e aumento del costo di rifinanziamento del debito, di scarsità energetica e di materie prime/semilavorati, bellici (fronte ucraino e di confronto Cina-America), epidemici ed ambientali. Il rischio bellico nel Pacifico è sovrastimato perché né Cina, in guai interni, né America hanno interesse ad accendere un conflitto armato, pur la prima minacciandolo: infatti riservatamente continuano a parlarsi. Quello tra G7 e Russia è meno prevedibile, ma Mosca sta segnalando autolimitazioni sul campo. Il problema energetico c’è, l’Ue ha attivato i risparmi, ma l’analisi della capacità e della sua redistribuzione mostra che non comporterà blocchi rilevanti alle produzioni, l’Italia in posizione migliore di altri. La Bce, pur in postura disinflazionistica-restrittiva, è credibile nel poter garantire la stabilità finanziaria macro. Importantissimo, la reattività adattiva del mercato, per lo meno in Italia, è massima fino al punto da contrastare con un rimbalzo prolungato post crisi 2020-21 quella eventuale del 2023. Pur in modi subottimali, i governi sono molto reattivi. Pertanto, pur periodo critico il 2023, i rischi appaiono minori di quelli oggi percepiti

(c) 2022 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi