ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori
Archive

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2021-2-22L' Arena,
Giornale di Vicenza,
Brescia Oggi

2021-2-22

22/2/2021

Il valore economico del certificato di vaccinazione

Secondo le recenti stime del Centro studi di Confindustria il rimbalzo forte dell’economia atteso a partire dal secondo trimestre è rinviato al terzo per il ritmo lento delle vaccinazioni. Ciò implica estendere almeno fino a luglio i sostegni d’emergenza ai settori più colpiti dai blocchi precauzionali nonché prevedere una maggior spesa per i ristori per portarli ad un livello che permetta la sopravvivenza “ponte” delle attività limitate. Non ci sono ancora calcoli resi pubblici, ma chi scrive teme servano decine di miliardi in più, nel breve termine, e due o tre anni di extradeficit per riparare l’economia e darle capacità di riassorbimento dell’occupazione. Il settore con il maggior fabbisogno è quello dei servizi. Studiando il modello Israele, prima al mondo per velocità di vaccinazione, si trova un certificato (verde) di immunizzazione che permette al portatore accesso illimitato a servizi e trasporti. Infatti in Israele ora riaprono tutti i servizi con accesso condizionato all’esibizione di tale certificato. Ciò implica un minor fabbisogno di finanziamento ponte. Cipro, Grecia e Israele, inoltre, hanno siglato un accordo di riconoscimento reciproco del certificato di immunità per favorire più circolazione libera dei turisti. Potrebbe l’Italia fare lo stesso? Da un lato, c’è la preoccupazione di discriminare. Dall’altro, perché mai i vaccinati dovrebbero subire limitazioni? Chi scrive non ha esitazioni: togliere dalle limitazioni i vaccinati dando loro accesso illimitato a bar, ristoranti, trasporti, spettacoli, spiagge, musei, teatri, eventi sportivi, ecc. Considerando che comunque ad aprile ci saranno milioni di vaccinati in Italia, Europa e America (1 su 5 già ora lo è), l’apertura illimitata a chi è certificato permetterebbe all’Italia un rimbalzo forte già nel secondo trimestre, riducendo di molto il fabbisogno d’emergenza. Sorprende che tale misura non sia già nell’agenda del governo.

(c) 2021 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti
Cookie tecnici
I cookie tecnici sono necessari al fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dal contraente o dall'utente a erogare tale servizio" (art. 122, comma 1 del Codice privacy).
Cookie analitici di terze parti
I cookie analytics sono utilizzati al fine di valutare l'efficacia di un servizio della società dell'informazione fornito da un titolare di un sito, per progettare un sito web o contribuire a misurare il "traffico" di un sito web, ovvero il numero di visitatori ripartiti per area geografica, fascia oraria della connessione o altre caratteristiche.

Accetto Chudi