ITALIANO


 VITA
  Biography    Gallery     Interview    Awards     CPTV

 PUBLICATION

  Books     Essays     Res. Reports
  Arrticles since 1998

 LETTERS

  Write to CP
  Read Letters    Archives

 SEARCH


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw print

Milano Finanza e italia oggi

2019-6-28

28/6/2019

La competizione tra America e Cina traina l’esomercato

Esoeconomia. Da decenni è spinta da spesa pubblica accesa da governi in competizione per il dominio dello spazio in forma di programmi scientifici/esplorativi, ma in realtà militari o militarizzabili. Per inciso, tale dinamica è ben descritta e concettualizzata nel recente libro di Marcello Spagnulo Geopolitica dell’esplorazione spaziale (Rubbettino, 2019). Ora lo scenario in materia mostra un’impennata degli investimenti in esosuperiorità da parte di America e Cina, considerando che la Russia spende molto per restare un’esopotenza, pur terza. Inoltre, l’esito di qualsiasi battaglia sul pianeta dipende dalla capacità di “vederla” e gestirla dall’orbita, fatto che sta sollecitando i programmi spaziali anche di medie potenze. Nella Nato circolano da mesi riflessioni sulla creazione di un programma spaziale dell’alleanza. Il punto: visto il probabile incremento della domanda di capacità spaziali da parte dei governi e considerando il notevole potenziale industriale italiano nel settore, questo è il momento giusto per impostare un’esostrategia nazionale.

 In quale perimetro geopolitico? Ovviamente in quello Nato, ma questo è diviso tra programmi europei e statunitensi. L’industria italiana ha operazioni sia con l’Agenzia spaziale europea (Esa) a dominanza francese, nonché collaborazioni per i satelliti militari con Parigi, ma anche qualcosa con Nasa e Pentagono, in una situazione dove la Francia punta ad un sistema di difesa, in generale, e spaziale, in particolare, europeo autonomo e l’America non vuole estranei nei suoi programmi più futurizzanti. Un calcolo economico mostra chiaramente che se i programmi spaziali restassero frammentati, nessuno di questi potrebbe sperare nell’esosuperiorità mentre questa è raggiungibile se Nasa, Esa (e Giappone) convergessero su programmi “civili” convertibili in strumenti militari. Tale grande scala e alleanza favorirebbe l’offerta italiana, per lo più fatta di componenti (robotica, moduli, comunicazioni, microsatelliti, optronica, esoalimenti, ecc.). Per esempio: progetto Marte anche come insediamento di basi nello spazio profondo da cui controllare “da dietro” l’orbita terrestre; (eso)cantieri in orbita lunare dove costruire grandi esohabitat/astronavi, forse prendendo i metalli da asteroridi (progetto giapponese), ecc. Per i programmi strettamente militari, invece, per l’Italia sarebbe più conveniente associarsi a quelli statunitensi perché più tecnoevoluti di quelli europei. Questa è una prima bozza di riflessioni per il nuovo e lodevole gruppo interpartitico del Parlamento italiano dedicato alle esopolitiche.    

(c) 2019 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli