ITALIANO


 VITA
  Biography    Gallery     Interview    Awards     CPTV

 PUBLICATION

  Books     Essays     Res. Reports
  Arrticles since 1998

 LETTERS

  Write to CP
  Read Letters    Archives

 SEARCH


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw print

L' Arena

2019-4-23

23/4/2019

La speranza esterna

L’ultima versione del Decreto crescita riduce le facilitazioni fiscali per le imprese trasferendo risorse alla spesa assistenziale. Non è depressivo, ma nemmeno sufficientemente stimolativo. Potrebbe esserlo lo sblocco dei progetti infrastrutturali, ma sulle quantità pesano ostacoli ideologici e l’incertezza dovuta al gap di quasi 40 miliardi per raggiungere l’equilibrio finanziario nel progetto di bilancio 2020, ora previsto, in parte, solo via aumento dell’Iva che però deprimerebbe i consumi. Per evitarlo bisognerà tagliare altra spesa e, visto l’orientamento detto in apertura, è probabile che ciò sarà a danno di imprese e investimenti. In sintesi, il mercato interno resterà stagnante, cioè in declino.

Non ci resta che sperare, oltre che in un governo più pro sviluppo, nel traino esterno alla crescita e ciò porta ad un’analisi di geopolitica economica. Da un lato, preoccupante, c’è l’aumento dei conflitti reali (Yemen, Libia, ecc.), potenziali (tensione Usa-Iran, ecc.), dell’instabilità interna in molte nazioni (Algeria, Sudan, ecc.) tra cui l’eccidio di quasi 300 cristiani in Sri Lanka lascia sconvolti e inquieti per il timore di una globalizzazione della violenza religiosa. Dall’altro, le tensioni con più impatto sul commercio internazionale, e sul ciclo degli investimenti, si stanno riducendo: il negoziato tra America e Cina è orientato al buon fine, i governi europei hanno dato mandato alla Commissione, pur la Francia contraria, di avviare un trattato doganale con gli Stati Uniti e lo shock di una Brexit traumatica sembra, al momento, evitato. Inoltre, la vittoria di Volodymir Zelensky nelle presidenziali dell’Ucraina aumenta la probabilità di una pacificazione tra Kiev e Mosca. La pace nell’oriente europeo e la riapertura del mercato russo sono di vitale importanza per l’export italiano in molti settori pesantemente colpiti da sanzioni e controsanzioni. Pur difficile, un compromesso è possibile: l’area russofona ribelle del Donbass resta nell’Ucraina come regione autonoma e Kiev riconosce, con salvafaccia, l’annessione russa della Crimea, il tutto stabilizzato da un accordo di libero scambio tra Russia e Ucraina, poi da estendere all’Ue. Mosca teme la Cina e ha interesse a normalizzare i rapporti verso occidente. La posizione americana antirussa potrebbe restare rigida, ma proprio per l’interesse ad aggiungere almeno 8-10 miliardi al proprio export l’Italia dovrebbe farsi mediatore e proponente attivo. 

(c) 2019 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli