ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2022-10-17L' Arena,
Giornale di Vicenza,
Brescia Oggi

2022-10-17

17/10/2022

Motivi per limitare la paura economica

Gli scenari istituzionali sull’economia italiana per il biennio 2023-24 tendono ad essere negativi ed oggetto di continue revisioni che indicano un aumento dei rischi. Ma crescono anche le voci controcorrente: tra queste ha avuto particolare rilievo quella di Carlo Messina, Amministratore delegato di Banca Intesa, che ha dichiarato di non condividere previsioni catastrofiche sull’Italia. Questa posizione è importante perché i dati in possesso della banca permettono di vedere dettagli che gli scenari macro non registrano. Quali? Quelli che mostrano un’economia vitale nonostante la tendenza recessiva e che fanno sperare in un secondo semestre 2023 e in un 2024 positivi. Infatti Messina pone l’enfasi sull’aiuto alle famiglie e unità economiche deboli affinché queste non siano vittime nel periodo critico, implicitamente facendo intendere che la gran parte del sistema economico resterà integra, pur soffrendo per qualche mese. Tale considerazione porta l’attenzione al potenziale del bilancio statale per mitigare lo stress sulla parte più vulnerabile dell’economia italiana. In materia c’è stata una presa di posizione significativa da parte del presidente di Confindustria, Bonomi: su un bilancio statale di circa 1.000 miliardi, almeno il 5% potrà essere dedicato ad interventi calmieranti. Preferendo quali? Il taglio del cuneo fiscale nelle buste paga per lasciare più soldi netti ai lavoratori dipendenti. Con una dichiarazione aggiuntiva importante: se tale misura fosse stata presa in quantità robuste un anno fa, e non irrisoria come in realtà è stato, l’impatto dei costi energetici sulla popolazione meno capitalizzata sarebbe stato minore. In altri termini, Confindustria sembra convergere con i Sindacati nel chiedere al nuovo governo una revisione della spesa utile a dare sollievo ai lavoratori, ipotizzando in circa 50 miliardi lo spazio fiscale conquistabile. Chi scrive concorda, pur ritenendo sfidante per il nuovo governo gestire l’aumento dei costi per le pensioni e del rifinanziamento del debito pubblico causato dall’inflazione. Bisogna aspettare l’indirizzo della nuova maggioranza. Ma anche capire se il prezzo dell’energia resterà alto o tenderà a scendere per decidere una postura pessimista o ottimista. I dati correnti indicano la maggiore probabilità che non ci sarà scarsità nel 2023-24, ma non sono ancora chiari i prezzi. Comunque non saranno così alti come quelli che hanno devastato famiglie ed imprese nel 2022. Pertanto chi scrive non ritiene giustificata la sospensione degli investimenti privati per timore di un futuro nero.

(c) 2022 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi