ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2022-1-28Milano Finanza e Italia Oggi

2022-1-28

28/1/2022

Come trasformare l'Italia in una safe zone

Per missione di ricerca sia universitaria sia professionale (strategist) chi scrive sta cercando di scenarizzare le condizioni che possano rendere l'Italia una safe zone per gli investimenti. Per inciso, il metodo di analisi è quello della scuola italiana di geopolitica economica, codificata da Paolo Savona e Carlo Jean, di cui lo scrivente è stato allievo e coautore.

Uno dei paradigmi (tecnici) è che esiste una relazione tra sovranità e ricchezza. Ma l'Italia, per scala, non può essere del debito pubblico. Inoltre, dal 2010 circa, le alleanze dell'Italia, Ue e Nato, hanno perso parzialmente il loro effetto di re-assicurazione, per esempio il caso libico e la recessione indotta dal rigorismo dell'Ue. Il cambiamento in senso contributivo dell'Ue e della Bce in occasione della pandemia ha attutito il problema di una collocazione scomoda entro l'alleanza europea, ma la condizionalità dei contributi e la pienamente sovrana e quindi deve cercare moltiplicatori di influenza, sicurezza e ricchezza entro alleanze che implicano un certo grado di cessione della sovranità, ma nel requisito di mantenimento di attrattività/competitività economica, cioè di tutela della ricchezza nazionale. Tale requisito non è rispettato a causa del volume temporaneità del sollievo lo faranno tornare. Ne è indizio il fatto che a ogni rischio che si accende nel mondo corrisponde un voto di minore affidabilità dell'Italia da parte del mercato. In sintesi, l'Italia è lontana dallo status di safe zone e la prossima conduzione della repubblica dovrà risolvere il problema.

Soluzioni. Il governo Draghi ha tentato di rendere l'Italia più influente nell'Ue inserendola in un triangolo con Francia e Germania, privilegiando la convergenza con la prima in cambio della speranza di attutire la pressione rigorista delle norme Ue.

Forse in questa mossa c'è stato anche l'intento di mostrare più rilevanza dell'Italia nell'Ue per incentivare l'America a sostenerla nella veste di alleato leale entro un'Ue con tendenze divergenti. Nel 2021 il governo ha tentato di migliorare la posizione nelle sue due alleanze, non avendone altre alternative. I futuri governi italiani non potranno scostarsi da tale linea, ma solo questa non potrà produrre lo status di safe zone. Pertanto dovranno fare quello che per decenni è stato rinviato: un'azione di riordinamento sovrano e non più per vincolo esterno, possibile solo con l'elezione diretta del potere esecutivo. Ai partiti non piacerà, ma vorranno/potranno questi tenere l'Italia debole e in perdita di ricchezza per mantenere il loro dissipativo potere di mediazione?

(c) 2022 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi