ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori
Archive

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2021-11-26Milano Finanza e Italia Oggi

2021-11-26

26/11/2021

Autorigore per conquistare più investimenti privati

L’economia italiana è esposta al rischio di un mutamento delle condizioni espansive nel 2022-23: restrizione monetaria e delle regole europee di bilancio. In gergo è definito come “policy shock” e c’è la possibilità che possa essere duplice, come due pugni ravvicinati. Quanto è realistico questo rischio e quali le contromisure? Il nucleo tecnico del governo è certamente consapevole del pericolo: da giugno il ministro dell’Economia ha iniziato a mettere limiti più pressanti all’indebitamento. Banca d’Italia sta aumentando i richiami pubblici ad usare più risorse fiscali maturate grazie al rimbalzo 2021 per la riduzione del debito. Questa comunicazione, in particolare, è un segnale che indica una tendenza restrittiva della Bce, indipendentemente dalle rassicurazioni che tende a dare. Lo scenario, al momento, probabilizza l’annullamento di tutte le misure straordinarie di politica monetaria entro il 2022 - non solo il Pepp, ma anche l’App - per intanto ridurre uno dei fattori inflazionistici sensibili alla politica monetaria. E che la Bce ritarderà al massimo l’aumento dei tassi. Ma sale la probabilità che debba farlo nel 2023, in particolare se la Fed iniziasse nell’estate prossima a rialzarli, considerando che l’euro debole è un moltiplicatore di inflazione importata. Da un lato, in sede Ue c’è una convergenza sul gradualizzare il ritorno all’ordine. Dall’altro, anche se si portasse il parametro del debito dal 60% al 100%, l’Italia subirebbe comunque pressioni dovendo rientrare da circa il 150% del Pil. Molti analisti ritengono che ci potrà essere un aggiustamento favorevole per via politica, tra cui il sostegno della Francia all’Italia e una posizione abbastanza accomodante della Germania a guida socialdemocratica. Ma, anche inserendo favori, comunque l’Italia resterà nazione fuori parametro: ciò verrà scontato dal mercato finanziario internazionale, pesando sul costo di rifinanziamento del debito e sulla valutazione di affidabilità del suo sistema economico come già visibile nell’impennata dello spread.

Probabilmente il rischio di caso peggiore verrà mitigato, ma non è una soluzione. Per consolidare la crescita, infatti, l’Italia ha bisogno di essere riconosciuta come “zona sicura” da parte del capitale d’investimento globale. Ci sta andando vicino grazie al segnale di forza industriale, di capacità vaccinale, ecc., ma manca il punto chiave: una politica di autorigore. Il suo costo sarebbe compensato in moltiplicazione dall’afflusso di capitali globali di investimento i cui gestori percepiscono che si sta riducendo il numero di zone sicure nel mondo.  

(c) 2021 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti
Cookie tecnici
I cookie tecnici sono necessari al fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dal contraente o dall'utente a erogare tale servizio" (art. 122, comma 1 del Codice privacy).
Cookie analitici di terze parti
I cookie analytics sono utilizzati al fine di valutare l'efficacia di un servizio della società dell'informazione fornito da un titolare di un sito, per progettare un sito web o contribuire a misurare il "traffico" di un sito web, ovvero il numero di visitatori ripartiti per area geografica, fascia oraria della connessione o altre caratteristiche.

Accetto Chudi