ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CAP Channel

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2021-8-26Milano Finanza e Italia Oggi

2021-8-26

26/8/2021

Serve un chiarimento tra Usa e Ue

C’è molto di “non detto - non dicibile” nelle crisi afghana che ostacola la valutazione dei rischi da parte del mercato. Ciò giustifica inferenze molto ipotetiche, forse fantasiose, ma utili per tenere l’attenzione sullo scenario.

Che Biden confermasse la data del 31 agosto per la fine del ponte aereo era ovvio. Se non lo avesse fatto, avrebbe indebolito il capo (nominale) dei talebani che nel 2018 la Cia aveva semi-reclutato per fargli ricoprire tale ruolo. C’è da capire se questo semi-reclutamento sia stato simile a quello di Lenin da parte dei servizi segreti tedeschi nella 1° Guerra mondiale per togliere la Russia dal conflitto, senza altre convergenze, oppure se ci sia stato un accordo prospettico, per esempio sulla sterilizzazione dell’Afghanistan come base terroristica (probabile), ma con fessure per il sostegno alle formazioni jihadiste nello Xiniang (molto ipotetico), motivo per cui la Cina si è affrettata a riconoscere i talebani. America ed alleati temono che un eventuale colpo terroristico islamista abbia effetti moltiplicati sull’economia, innescando una crisi di fiducia prolungata. Washington ha certamente una strategia silenziosa per prevenirlo, dialogando con parte dello schieramento jihadista, ma non condividendola del tutto con gli alleati, finora. Il rischio è che l’America protegga sé stessa, ma non gli alleati (molto ipotetico, ma non escludibile). Se così, comunque, l’America sbaglierebbe: la vittoria islamista in Afghanistan è stata presentata come atto di Allah che ha galvanizzato tutti i movimenti jihadisti non influenzati dagli afghani, per esempio l’Isis che è di fatto in guerra con i talebani (e con al Qaeda). Poi il “non detto – non dicibile” potrebbe estendersi alla politica interna statunitense: forse la decisione di attuare un ritiro in fretta senza preparazione è stata motivata dal farlo prima della campagna per le elezioni di mid term nel 2022, immaginandone l’effetto e in tempo per farlo dimenticare agli elettori (probabile). Segno di una debolezza gestionale e cinica dell’amministrazione Biden. Che potrebbe cercare un successo compensativo contro la Cina. Ma la Cina serve sia per non dare troppa forza ai talebani rendendoli immuni dalle eventuali sanzioni economiche condizionanti sia per organizzare uno schieramento globale antiterrorismo, come intelligentemente perseguito da Draghi proponendo un G20 dedicato. In sintesi, da un lato è rassicurante la compattezza formale dell’alleanza, ma dall’altro il troppo “non detto” crea dubbi sui rischi per l’Ue. Pur riservatissimo, un chiarimento sarà necessario

(c) 2021 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli