ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CAP Channel

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2021-6-29L' Arena,
Giornale di Vicenza,
Brescia Oggi

2021-6-29

29/6/2021

Attenzione alla produttività della spesa pubblica

Cresce nell’Ue la fiducia economica, particolarmente in Italia. Le previsioni subiscono frequenti revisioni al rialzo del Pil atteso per il 2021-22. Il rimbalzo c’è. Potrà essere consolidato generando una ripresa prolungata? Serpeggia il timore di una recrudescenza della pandemia a causa di nuove varianti del virus. Ma sia le istituzioni sia la scienza medica e l’industria farmaceutica hanno appreso come gestire il problema. Pertanto sul piano economico il rischio epidemico è basso, per lo meno in America e nell’Ue: infatti il mercato non lo sta scontando. Preoccupa di più l’impennata dell’inflazione e l’eccesso di debito stimolativo che è concausa dell’inflazione stessa. Appare evidente che i governi europei e statunitense abbiano usato l’emergenza pandemica come “scusa” per finanziare a debito programmi fantasmagorici di modernizzazione, tra cui la transizione energetica, la digitalizzazione diffusa e il rinnovamento infrastrutturale. Ciò è pregevole. Ma c’è troppo denaro a fronte della capacità di renderlo spesa produttiva. Per esempio, in Italia sono giornalieri gli appelli della politica consapevole a “spendere bene”, segno che c’è molta preoccupazione al riguardo. Il punto: se la spesa pubblica non divenisse produttiva, allora il megadebito generato non sarà sostenibile via crescita. In America c’è un confronto nel Congresso per allineare investimenti e capacità di renderli produttivi. Nell’Ue si è affermata una linea di controlli rigorosi sugli impieghi. Ma il sistema pubblico in Italia non è efficiente e quello politico è troppo incline all’assistenzialismo dissipativo. Se ambedue non cambiassero rapidamente, aumenterebbe il rischio non solo di flop della ripresa, ma anche di recessione nel 2023. Attenzione.

(c) 2021 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli