ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CAP Channel

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2020-11-23L' Arena,
Giornale di Vicenza,
Brescia Oggi

2020-11-23

23/11/2020

All’economia serve una vaccinazione accelerata

Inizia il montaggio dell’organizzazione dedicata alla vaccinazione di massa anticovid. Il governo ha annunciato che la somministrazione in Italia sarà avviata da centri di distribuzione controllati verso la fine di gennaio. L’autorità europea dei medicinali (Ema) sta valutando l’autorizzazione di almeno tre vaccini, molto probabile. la Commissione, infatti, ne ha prenotati 1,2 miliardi per una popolazione residente nell’Ue attorno ai 400 milioni, considerando una prima inoculazione e poi un richiamo per alcuni tipi, tenendo un margine di riserva piuttosto ampio. Poichè il vaccino è non solo un salvavita, ma anche un salva-economia, ora è il momento di includere l’analisi delle prassi sanitarie entro i requisiti economici affinché le prime siano più adatte ai secondi. In generale, è ovvio che prima si raggiungerà una sufficiente immunizzazione di massa e prima ci sarà la ripresa, attutendo per via “naturale” di mercato il fabbisogno di sostegni pubblici d’emergenza pericolosamente a debito, così riducendo il numero di fallimenti d’impresa e di conseguente aumento della disoccupazione e di insolvenze a carico del sistema bancario. Ma è meno ovvio considerare le soglie di utilità: per i settori che valgono circa il 20% - 25% del Pil italiano, ora compressi o perfino congelati, è vitale che entro marzo-aprile 2021 vi sia una massa sufficiente di clienti immunizzati. Il resto dei produttori di Pil, in particolare l’export manifatturiero, sta tenendo, ma ha un limite: se il mercato europeo e in parte quello globale non torneranno dinamici entro l’estate 2021 c’è il rischio di una spirale depressiva. Pertanto il piano sanitario europeo ed italiano dovrebbe accelerare ed il requisito della tempistica dovrebbe generare uno standard globale, materia in cui l’Italia è ora rilevante perché presiede il G20. Ma il punto più importante per l’economia è il certificato di vaccinazione individuale costruito in modo tale da rendere certi gli accessi delle persone a mezzi di trasporto, a luoghi di lavoro e di servizio. E tale certificato dovrebbe essere riconosciuto a livello globale.

(c) 2020 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli