ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CAP Channel

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2020-8-10L' Arena,
Giornale di Vicenza,
Brescia Oggi

2020-8-10

10/8/2020

Un autunno catastrofico è improbabile

In Italia è diffusa la profezia di un autunno catastrofico. Chi scrive vede i rischi, ma tutti gestibili con adeguata preparazione e di minor impatto di quanto ora vagheggiato. Poiché l’eccesso di pessimismo rallenta la circolazione del capitale frenando la ripresa, così come la negazione dei pericoli poi porta a delusioni che causano shock economici, è razionale tentare di calibrare lo scenario autunno-inverno in modi realistici.

Cercando l’origine della profezia si trova che inizialmente si pensava, non solo in Italia, che la stagione calda avrebbe limitato i contagi, ma che poi sarebbero ripresi nella stagione più fredda combinati con l’influenza “ordinaria” e conseguenti ambiguità diagnostica e ingorgo degli ospedali. In realtà il virus resta diffuso anche nel caldo. Ma il punto è l’apprendimento. I dati a livello europeo mostrano che è rapido, rendendo probabile un’elevata capacità di individuare ed isolare anche migliaia di focolai senza causare blocchi economici totali. In Italia la disciplina precauzionale della popolazione è tra le più elevate al mondo. Combinando questo fattore con la buona capacità di presidio, migliorando il controllo dei confini e rendendo disponibile il vaccino antinfluenzale, la probabilità di una catastrofe è minima. Il vaccino anti Covid 19? Annunci a parte, non si conoscono ancora i tempi. Ma è probabile che nell’attesa la viabilità dei mercati non sarà compromessa. L’altro motivo della profezia catastrofica è che l’impatto economico è stato rinviato verso fine anno da misure assistenziali e sostegni temporanei che dovranno finire per il loro costo insostenibile, lasciando – secondo la profezia – il 30% delle imprese italiane e da 1 a 1,5 milioni di lavoratori a terra. Ma i dati correnti indicano una ripresa forte a luglio ed agosto, anche dell’export e turismo. I volumi d’affari saranno in forte calo in relazione al 2019, ma la platea di situazioni gravi sarà minore di quanto temuto. E si potrà ridurre mirando meglio gli interventi dando risorse e facilitazioni dove veramente serve evitando di allocarle dove non è necessario come visibile nel recente decreto. Infatti il governo dovrebbe passare da una dichiarazione d’emergenza generale ad una settoriale, cioè mirata al sostegno di singoli comparti economici a ripresa più lenta. Il ritardo del governo nel farlo genera un eccesso di pessimismo, utile per governare via decreti, ma certamente dannoso per l’economia nazionale. 

(c) 2020 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli