ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CAP Channel

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2020-6-15L' Arena, Giornale di Vicenza, Brescia Oggi

2020-6-15

15/6/2020

Copiare la Germania

Il governo italiano è talmente indeciso in materia di stimoli alla ripresa da costringere sia il Quirinale sia Banca d’Italia a chiedergli concretezza. Quello tedesco, invece, sta agendo con rapidità decisionale, precisione applicativa e innovazioni. Pertanto, indipendentemente da simpatie o antipatie, la miglior cosa che l’Italia dovrebbe fare è copiare la Germania. Berlino, infatti, valutando che la ripresa dell’export globale sarà lenta, ha deciso una massima spinta alla domanda e agli investimenti interni. Ha aggiunto per tale scopo 130 miliardi alle centinaia già stanziati in fase d’emergenza.  Sta sperimentando una misura innovativa: la riduzione per 6 mesi dell’Iva. Questa permette sconti che incentivano gli acquisti, per attirare consumatori ancora incerti per i timori sul loro futuro economico, o permettono ai venditori in alcuni settori dove la domanda è robusta di fare più profitto a compensazione delle perdite del primo semestre. Sta attivando molteplici investimenti pubblici e incentivi per quelli privati. In sintesi, ha messo al centro l’impresa interpretando realisticamente quale sia il vero motore del capitalismo di massa: industria e commercio e non certo l’assistenzialismo dissipativo sul quale si sta incartando il governo italiano. Più si sostiene il ciclo di capitale centrato sulla dinamicità del mercato e meno servono assistenze e debito per bilanciare la disoccupazione.  Poi bisognerebbe copiare la rapidità delle decisioni e delle applicazioni nonché la loro semplicità: il piano tedesco occupa circa 10 pagine molto chiare, i provvedimenti italiani migliaia e complicate. Inoltre, se gli Stati dell’Ue si concentrassero su un megastimolo della domanda interna, poi tutti esporterebbero di più nel mercato europeo con beneficio moltiplicato reciproco. L’Italia produttiva ha un enorme potenziale contributivo a tale ciclo virtuoso, ma questo governo confuso lo sta soffocando.

(c) 2020 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli