ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CAP Channel

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2020-5-18L' Arena,
Giornale di Vicenza,
Brescia Oggi

2020-5-18

18/5/2020

Responsabilità per accelerare la ripresa

Il maggiore o minore impatto economico del virus dipende da quanto e in quanto tempo il sistema apprende come gestire la convivenza con esso. L’orizzonte temporale della convivenza è ancora indeterminabile, ma dalle fonti mediche si può sintetizzare una prima stima che lo porta a metà o fine 2021. Ci sono anche ipotesi migliorative e peggiorative. Ma ciò che importa per l’analisi economica è che in 12-18 mesi ci potrebbero essere danni strutturali che eccedono la capacità di riassorbirli nel medio termine, innescando tendenze depressive. In tal senso misurare l’apprendimento/adattamento dei sistemi sociali, e i suoi tempi, è un punto chiave.  In circa due/tre mesi la scienza medica ha elaborato nuove terapie e i governi hanno esteso la capacità di somministrarle. Nelle nazioni dove l’apprendimento è misurabile si può osservare che la gran massa della popolazione ha capito il pericolo e tiene comportamenti precauzionali. Vista l’elevata contagiosità, preoccupa che una pur esigua minoranza non li segua. Inoltre, bisogna scontare un certo numero di contagi incidentali e un rilassamento delle precauzioni dopo un certo periodo. Ma la probabilità che questi casi possano essere gestiti da organizzazioni preparate al contenimento sta crescendo in America ed Europa e sarà massima a luglio o agosto. Ciò implica che tra ed entro queste due aree i flussi nazionali ed internazionali di persone e merci potranno accelerare la ripresa più di quanto ora si pensi. Se i governi lo facessero in autunno, allora la ripresa 2021 nell’area citata, e particolarmente in Italia, sarebbe più forte e ridurrebbe il rischio di depressione mentre ora questo è significativo: si stima, semplificando, che il rimbalzo 2021 copra solo la metà della perdita (di Pil) 2020. In sintesi, c’è una speranza di evitare il peggio. Ovviamente bisogna prendere un rischio, e, per esempio, i presidenti delle Regioni produttive in Italia lo stanno facendo. Ma è la popolazione che deve confermare un apprendimento tale da rendere tale presa di rischio produttiva e capace di evitare danni economici irreparabili.

(c) 2020 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli