ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CAP Channel

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2019-11-18L' Arena

2019-11-18

18/11/2019

Manca un fondo sovrano anticrisi

 In Italia sono decine le crisi industriali di rilievo sistemico irrisolte, per esempio Ilva, Alitalia, grandi progetti infrastrutturali, ecc., e centinaia quelle di piccola scala, ma con pesante impatto locale, il cui complesso ha effetti deindustrializzanti. Ciò mostra che l’Italia non ha strumenti di governo sufficienti per realizzare soluzioni rapide e prevenzioni delle crisi. La Francia ha affrontato il rischio di deindustrializzazione nazionale nel settore auto, sottoposto ad un cambiamento tecnologico discontinuo, spingendo sia Renault a rinforzare l’alleanza con l’industria nipponica e quella cinese e Peugeot ad accordarsi con Fiat Chrysler in condizioni di vantaggio. E’ un ottimo esempio di “geopolitica economica”: il governo ha coordinato con notevole rapidità il capitale privato per fini strategici in un’ottica di prevenzione di una crisi industriale settoriale massiva, evitandola con una strategia che metterà la Francia al centro del mercato globale della mobilità. L’Italia ne è ormai ai margini. La Germania ha salvato una banca di rilievo sistemico infischiandosene delle regole europee che impedirebbero il metodo di salvataggio adottato. L’Italia, invece, ha voluto/dovuto seguirle con esiti impoverenti. Molti commentatori criticano la politica evidenziandone l’inconsistenza. Ma la realtà è che i politici di qualunque colore e capacità personale non hanno gli strumenti di intervento. Manca un centro strategico che coordini governo e capitale privato, come in Francia. Per crearlo sarebbe necessaria una Repubblica presidenziale, ma è ancora ipotesi contrastata in Italia. C’è però un’alternativa di “verticalizzazione” dello Stato pur questo avendo un modello “orizzontale”: un fondo sovrano con capitale pubblico aperto a quello privato non solo nazionale. Se ci fosse potrebbe intervenire subito per rilevare e condurre l’Ilva, Alitalia e altri casi aziendali in un processo di ristrutturazione e con un piano di vendita futura a privati. Non sarebbe l’IRI antica, ma uno strumento di investimento. Mancando questo, il governo prolunga le crisi. L’Ue lo vieterebbe perché aiuto di Stato? Ma se in Germania e Francia lo Stato è attore industriale attivo perché mai l’Italia non potrebbe fare lo stesso, chiarendo la natura d’emergenza e temporanea degli interventi? Il punto: le crisi avvengono perché il sistema istituzionale italiano non ha strumenti per risolverle e/o prevenirle. La politica li crei invece di perdersi in chiacchere.

(c) 2019 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli