ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  
menu
fb Tw g+ print

Carlo Pelanda: 2019-1-28L' Arena

2019-1-28

28/1/2019

Più ordine interno per contare all’esterno

La frammentazione dell’Ue crea rischi politici ed economici gravi per l’Italia. Le linee di frattura sono molteplici. Inizialmente la divisione tra le 19 nazioni dell’Eurozona e le altre 8 (senza Londra) parte dell’Ue, ma fuori dall’euro, sembrava temporanea. Ora le seconde non mostrano alcuna volontà di aderire all’Eurozona perché temono che la sua architettura depressiva ne blocchi lo sviluppo. Da qualche giorno, inoltre, i governi europei sono sotto shock per il modo con cui è stato confezionato e comunicato il Trattato di Aquisgrana, aggiornamento di quello dell’Eliseo del 1963, tra Francia e Germania: conduzione diarchica dell’Ue senza alcun pudore diplomatico. Ciò svela che la cessione di sovranità monetaria e di bilancio non è ad un ente europeo che garantisca tutte le nazioni, ma a Berlino e a Parigi. Molti europeisti, dappertutto, infatti si stanno chiedendo come faranno a sostenere la convergenza verso un’Ue ora svelata come dominio franco-tedesco. Perché un tale errore diplomatico, mai fatto da quando la diarchia è stata formata nel 1963? La Francia ha colto l’opportunità della Brexit per ergersi a potere nucleare singolo dell’Ue e francesizzare la difesa e l’industria militare europee per ottenere da tale atto più risorse dirette e indirette per finanziare un’economia interna in crisi perenne. La Germania, persa la sponda britannica e ricattata dall’America, ha dovuto rinnovare (malvolentieri) l’alleanza diarchica con la Francia per mantenere rilevanza nel mondo. Le nazioni nordiche non vogliono allinearsi all’asse franco-tedesco né farsi contaminare dal disordine meridionale. La Spagna si è allineata con Francia e Germania per togliere all’Italia lo status di terzo potere europeo. La Francia persegue l’acquisizione dell’industria militare e tecnologica italiana, questa per altro connessa con quella britannica e statunitense. Il debito italiano tiene Roma sotto scacco. Infatti il governo, spiazzato, oscilla tra euro-conformismo, contrasto alla Francia, coalizione con gli europei orientali, tattica di insinuarsi tra Francia e Germania, rafforzamento dell’alleanza con l’America. Non è una critica perché la situazione è difficile e fluida. Ma il governo sarebbe criticabile se non capisse che per attuare una qualsiasi strategia bisogna ricostruire la credibilità internazionale dell’Italia, ottenibile solo tagliando il debito e stimolando più crescita, attivando un progetto nazionale inclusivo con tale scopo

(c) 2019 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli