ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

Carlo Pelanda: 2018-9-28Milano Finanza e italia oggi

2018-9-28

28/9/2018

La nuova strategia americana è meno dazista e più penetrativa

L’accettazione da parte del Giappone di riaprire un negoziato bilaterale con l’America e il rinvio da parte di Washington dei dazi sull’importazione di auto nipponiche, nonché la recente rifinitura “morbida” del trattato commerciale tra Washington e Seul, segnala una svolta nella strategia globale dell’Amministrazione Trump: la ricerca di una migliore armonizzazione tra requisiti di alleanza geopolitica e quelli di riequilibrio commerciale. Tale svolta è anche visibile in una maggiore propensione al compromesso con Messico e Canada. I motivi, semplificando, sono tre. L’approccio dazista duro stava gettando gli alleati nel fronte contrapposto di Cina e, a tendenza neutralista, Ue, questa corteggiata dalla Russia. L’impatto dei controdazi cinesi sull’agricoltura stanno facendo male e Trump sta ammorbidendo le relazioni con altre nazioni in cambio delle loro aperture all’import in questo settore. Poi – sembra, in base a spifferi nei think tank - la burocrazia strategica è riuscita a calcolare meglio la soglia di sostenibilità dei costi per mantenere la continuità dell’impero americano. Semplificando, non serve un riequilibrio commerciale “assoluto”, anche perché tutte le nazioni del pianeta fanno Pil prevalentemente grazie all’export trainato da una catena globale della domanda centrata sul mercato statunitense e per questo non potrebbero “riequilibrare”. E’ sufficiente, invece, solo un po’ di protezionismo in alcuni settori più deboli mentre il vero bilanciamento dei costi imperiali va ottenuto facendo penetrare di più la finanza/industria americana nelle altre nazioni. Questa potrebbe essere la nuova linea strategica sostanziale sotto il linguaggio che resta protezionista di Trump. Ma il nuovo tipo di swap, cioè accesso al mercato statunitense in cambio di apertura al business americano, può trovare reazioni in molte nazioni alleate. Per questo Washington ha bisogno di usare una leva geopolitica forte per costringerle alla convergenza e questa è la nemicizzazione della Cina, dell’Iran, ecc., in quanto definisce un perimetro di imperi avversari che giustifica il proprio. Tale rifinitura della “grande strategia” americana, da un lato, facilita il negoziato con l’Ue perché l’America vuole includerla nella sua sfera, ma, dall’altro, lo complica perché implica un trasferimento di potere alla finanza statunitense, facilitato dalla suicida scelta, a traino francese, di regalare Londra a Wall Street. Chi scrive è favorevole all’integrazione euroamericana, ma per renderla bilanciata e non asimmetrica l’Ue dovrebbe essere più pragmatica e furba. 

(c) 2018 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli