ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

Il Foglio

2008-2-12

12/2/2008

L’opacità ti salva dalla crisi, ma il dollaro ti salverà la vita

Un think tank inglese ha raccomandato alla Bce di rendere trasparenti le sue decisioni ed operazioni. Trichet, per l’amor di Dio, non lo faccia. Mantenga tutto segreto perché se si venisse a sapere come in realtà operate crollerebbe la credibilità della Bce e dell’euro. Inoltre, nelle contingenze, lo scenario vede l’uscita dalla crisi finanziaria in atto solo via metodi opachi.

La Bce ha recentemente salvato il sistema bancario spagnolo comprando 100 miliardi di crediti cartolarizzati, probabilmente immobiliari, ad alto rischio di insolvenza. In generale, ha fatto salvataggi opachi negli ultimi sei mesi, con bombe di liquidità, da produrre un rischio elevato di inflazione prospettica. Se tutto ciò fosse svelato verrebbe fuori che la Bce ha in pancia un mucchio di robaccia e che per evitare la crisi bancaria ha preso rischi inflazionistici del tutto contrari alla linea ufficiale (date un’occhiata alle masse monetarie). Se poi si potessero leggere le minute verrebbe fuori un continuo scontro tra idealismo monetario della Bundesbank e pragmatismo degli altri, forse motivo per cui la Bce è sempre in ritardo e inadeguata nelle decisioni sui tassi. Come si potrebbe avere fiducia in una istituzione del genere? Chi terrebbe in portafoglio euri? In sintesi, l’opacità ha permesso di evitare la restrizione del credito e di salvare da buchi ingestibili tante banche europee inguaiate. Per marcare il punto si consideri che il buco della banca inglese Northern Rock si è aperto prima che la Banca centrale riuscisse a capire se era competenza sua o del governo il salvarla. Alla fine lo ha fatto il secondo e quasi un centinaio di miliardi di euro equivalenti sono stati iscritti nel debito pubblico del Regno Unito con conseguenze pesanti sul bilancio. Anche la Germania, per scelta e non per errore, sta usando denari statali per salvare le banche regionali di fatto fallite, ma nasconderà questo aiuto pubblico nelle opacità dei bilanci dei Lander. Volete la trasparenza? Se aumenta il debito pubblico tedesco la Bce dovrà alzare i tassi e chi ha un mutuo a tasso variabile in Italia fallirà. Zitti, quindi. Ma certamente l’impiego dell’opacità per uscire dalla crisi potrà essere solo di breve periodo in quanto il protrarlo porterebbe alla sfiducia nel salvatore di ultima istanza, la fine del denaro fiduciario, la catastrofe. Forse per questo le autorità monetarie e governi del G7 sono talmente disperati da aver minacciato, nel summit di Tokyo, le banche globali: o svelate e pulite subito tutta la merda che avete in bilancio o dovremo farlo noi. Cosa fare in tali turbolenze? Comprare dollari, ovviamente.

(c) 2008 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli