ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

L' Arena

2015-6-15

15/6/2015

Il vantaggio di un nucleo euroamericano

Il negoziato per un mercato unico euroamericano è solo in bozza, ma ha superato gli ostacoli iniziali rendendone probabile una conclusione positiva, anche anticipata da un recente voto favorevole preliminare del Parlamento europeo. Obama vorrebbe chiudere l’accordo con gli europei (TTIP) e quello con le nazioni del Pacifico (TPP) per lasciare come eredità la più grande area di mercato comune del pianeta con al centro l’America entro la fine del suo mandato nel gennaio 2017. La maggioranza repubblicana nel Congresso è superfavorevole agli accordi di libero scambio, anche perché strumento di dominio globale americano, ma ha al suo interno una minoranza protezionista che la rende prudente in vista delle elezioni presidenziali del novembre 2016. La minoranza democratica è influenzata dall’estrema sinistra protezionista e sindacale che si oppone a qualsiasi accordo di mercato più aperto. Infatti nei giorni scorsi Obama si è visto rifiutare i poteri speciali per accelerare la firma del TPP. Questo incidente apre la possibilità che il TTIP possa essere firmato prima del TPP, permettendo agli europei di condizionare gli accordi nel Pacifico. Sarebbe meglio per noi, infatti, che americani ed europei usassero un criterio comune per trattare con Giappone, Australia, Perù, Cile, ecc., piuttosto che un negoziato dove l’America faccia accordi separati con europei ed asiatici – sudamericani. Il Pacifico sarà il megamercato del futuro e non vorrei che le aziende italiane ed europee avessero svantaggi di accesso in relazione a quelle americane. Inoltre, la Cina, poiché esclusa dal TTP, sta cercando di sabotarlo così come Mosca e Pechino stanno facendo con il TTIP, ambedue ricattando la Germania e cercando di condizionare l’Italia. In tale gioco la soluzione è una più forte convergenza euroamericana per dare forza alla Ue ed all’America di resistere alle controreazioni e per costruire un nucleo geopolitico che sia centro e motore della nuova architettura politica del mercato mondiale. In particolare, entro questo nucleo la Ue dovrebbe convincere l’America ad includere, pur nel futuro e con condizioni, la Russia. Ma la geopolitica europea, anche per il provincialismo strategico francese, è più passiva che attiva. L’Italia, le cui piccole imprese avrebbero il massimo vantaggio da minori costi di accesso ai mercati esteri, e la Germania hanno più di altri l’interesse a premere la Ue per accelerare l’accordo euroamericano. Pertanto un attivo nucleo italo-tedesco (ed inglese) nella Ue appare precondizione per la creazione di un nucleo euroamericano con raggio globale.

(c) 2015 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli