ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

L' Arena

2015-1-5

5/1/2015

Eurogiochi pericolosi

Giallo: l’indiscrezione pubblicata dal settimanale Der Spiegel che ha preteso di svelare una decisione del governo tedesco favorevole all’uscita della Grecia dall’euro, se le prossime elezioni premiassero l’estrema sinistra (Tsipras) e la sua proposta di non ripagare il debito pubblico, rappresenta una posizione reale o è solo una mossa dissuasiva oppure altro? I commentatori propendono per una posizione reale ed interpretano l’indiscrezione come una mossa pilotata dal governo tedesco stesso per sondare gli umori delle altre capitali europee in materia. Non sono certo che sia così, ma poiché non è escludibile mi sembra opportuno prendere una posizione dal punto di vista dell’interesse italiano. L’insolvenza della Grecia combinata con una uscita, pur assistita, dall’euro presenta per l’Italia un grave rischio di contagio. Gli attori del mercato finanziario, che comprano titoli di debito italiano nelle aste di rifinanziamento, non stanno valutando il rischio del debito in base alle nostre capacità nazionali, ma in base alla garanzia Bce, di fatto, sul debito italiano stesso. Per tale motivo il costo di rifinanziamento del debito è minimo e quello della spesa annuale per pagare gli interessi è in riduzione. Se il mercato percepisse che questa garanzia Bce è meno certa nel caso l’Eurozona ammettesse l’uscita di una nazione nei guai, allora porterebbe il calcolo di affidabilità del nostro debito alla sola valutazione delle capacità nazionali di ripagarlo. Tale calcolo è proprio quello che fanno le agenzie di rating ed una di esse, S&P, ha recentemente declassato il debito italiano perché la bassa crescita economica prospettica e l’insufficiente impulso riformatore del governo non saranno in grado di sostenerlo. Se il mercato recepisse tale valutazione pretenderebbe un premio di rischio maggiore per comprare titoli di debito italiano. Tale costo di rifinanziamento diventerebbe insostenibile per le casse statali e l’Italia dovrebbe dichiarare insolvenza. Esattamente quello che successe nel 2011. Va sottolineato che la crisi di allora non fu risolta dal governo Monti con una politica di estremo rigore, ma dall’impegno di Draghi nell’estate 2012 nel rendere la Bce garante di fatto del debito italiano. Ciò dimostra che il mercato compra Italia se garantito dalla Bce e dalla Ue e non da Roma. L’indiscrezione riporta che il governo tedesco non teme effetti contagio. Ma, se vero, sbaglia: anche l’Italia dovrebbe uscire dall’euro se lo facesse la Grecia oppure dovrebbe essere commissariata per evitarlo. Questo il vero messaggio? Non lo so, ma vedo giochi pericolosi.

(c) 2015 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli