ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  
menu
fb Tw g+ print

il Giornale

2007-4-27

27/4/2007

Torniamo nella storia

Il 50° anniversario del Trattato di Roma che avviò il processo di integrazione europea è stato ricordato con cerimonie solo burocratiche. L’Europa non piace più ai suoi popoli perché malcostruita? Anche, ma non è questa la causa principale del silenzio. Il processo europeo non è mai stato trainato dal basso, ma sempre dall’alto. Il motivo è che le élite europee non hanno più una risposta alla domanda: Europa per che cosa? Io penso di averla, così evidente e prorompente da invocare uno spazio, Direttore, per urlarla, proprio oggi.  

Europa per che cosa? Negli anni ’50 la risposta fu: per evitare nuove guerre ed unirsi contro la minaccia sovietica. Negli anni ’70 ed ‘80 fu: perché integrare i mercati è un beneficio per tutti. Nei ’90 fu francese: per ingabbiare la Germania riunificata, costringerla a mollare il marco e ad accettare la diarchia con Parigi,  creare un impero indipendente da quello americano. Ora, nel 2007, tale progetto è fallito lasciando un pasticcio. E c’è una non risposta: aggiustiamo qui e lì, ma non sappiamo come andare avanti. Le èlite europee stanno ricucendo il tessuto atlantico, cercano di dare un minimo di governance al sistema dopo il fallimento della Costituzione, di sopravvivere all’euro fatto prima che le nazioni fossero pronte a reggerlo perché ormai è impossibile tornare indietro, ecc. Ma con questa risposta debole ed introversa segnalano di non vedere come il mondo sia cambiato ed il nuovo ruolo dell’Europa in esso. L’America è diventata troppo piccola in relazione ai nuovi giganti e problemi globali e non ha i mezzi per tenere in ordine il pianeta. Tenta lo stesso, ma non c’è più corrispondenza tra mezzi e fini. L’Occidente “potenziale”, fatto di America, Europa, Russia e dalle democrazie occidentalizzate di Giappone ed India, avrebbe ancora la scala economica e militare per tenere sotto controllo la Cina e l’Islam e governare con il criterio occidentale il mercato globale (trasparenza, ordine finanziario, democrazia interna, bilanciamento degli squilibri, ecc.). L’orgogliosa America non riconoscerà mai la sua impotenza. Quindi è l’Europa che ora si trova nella posizione di decidere se sarà l’Occidente a continuare a governare il mondo o se questo verrà dominato dai disordinati impulsi asiatici ed islamici. Deve, cioè, decidere se unirsi all’America ed insieme chiamare le altre democrazie, più la semidemocrazia russa, a formare una Grande alleanza per il governo mondiale oppure rischiare il caos globale. Sconvolti? Chiedetevi il perché e troverete che non siete più abituati a pensare il mondo da governanti perché cittadini di una nazione sconfitta nell’ultima guerra, punita con la sanzione di non occuparsi più del mondo stesso se non portandovi fiorellini. Così i tedeschi. Meno i francesi e gli inglesi, ma anche loro privati dei loro imperi e resi introversi o depotenziati da questo fatto. Allora eccovi il vero significato di 50 anni di Europa combinati con il ricordo del 25 aprile: abbiamo pagato il prezzo degli errori storici, abbiamo imparato a non farli più proprio con il nostro costruire l’Europa ed ora siamo di nuovo pronti a prenderci la responsabilità del governo mondiale. Europa per che cosa? Pax Mundi.  

(c) 2007 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli