ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

il Giornale

2000-4-12

12/4/2000

La New economy volerà ancora ma va protetta: ecco come

Adesso cerchiamo di non esagerare nel senso opposto. Da una parte è benvenuta e razionale la correzione al ribasso dei titoli Internet e telecomunicazioni in corso nelle Borse sia americane che europee. Molti di questi erano –  e parecchi restano ancora – “in bolla”. Dall’altra, non sarebbe per nulla giustificato essere pessimisti sulla crescita futura, reale e finanziaria, di tale settore. Resterà per qualche anno il più dinamico in assoluto, almeno fino a che non giungeranno a maturazione le novità della rivoluzione biotecnologica e, successivamente, quella della robotica e dell’intelligenza artificiale. Che, comunque, si integreranno con la piattaforma di connettività globale ora in costruzione. Entro poco tempo passeremo dalle centinaia di milioni attuali di persone e soggetti commerciali connessi in rete ai miliardi di utenti. In tale velocissimo sviluppo ci sarà spazio per molte più aziende Internet (e relativi servizi) di quante ne esistano ora. Quindi è giusto essere selettivi, ma sarebbe troppo restrittivo valutare tale settore come se fosse già maturo e non emergente e vitale quale è. Inoltre tutte le imprese dei settori tradizionali utilizzeranno la rete per le loro operazioni, rinnovando ed aumentando  potenziale di efficienza e remunerazione per gli azionisti. In sintesi, è impossibile prevedere in dettaglio cosa succederà, ma le probabilità sono del tutto a favore di un futuro espansivo del comparto tecnologico. Sulla base di tale scenario di fondo non sarebbe razionale essere pessimisti. Tuttavia, proprio in questa fase degli andamenti del mercato, la spinta iniziale della rivoluzione tecnologica sta correndo un grosso  rischio che va capito e ridotto con tempestività

 In Europa ci sono circa un migliaio di aziende Internet e dintorni (parecchie decine in Italia) pronte a quotarsi. In America molte di più. Una crisi di sfiducia degli investitori sul settore potrebbe diventare fatale nel momento delicato dello svezzamento del bambino. E il clima che si nota in questi giorni potrebbe crearla, a spirale. Vanno quindi rimossi i motivi che hanno creato il problema. Questi possono essere sintetizzabili come  eccessi speculativi sui titoli Internet che hanno generato un bolla destinata a sgonfiarsi, deludendo i molti risparmiatori rimasti scottati e spaventando un po’ tutti. Cosa bisogna evitare? Per prima cosa che le banche di investimento che accompagnano in Borsa le nuove imprese (ed i manager delle stesse) non tentino di massimizzare oltre misura la raccolta dei capitali in fase di quotazione iniziale. Il meccanismo perverso è il seguente. I risparmiatori percepiscono, correttamente, che il settore tecnologico ha un grande potenziale di sviluppo futuro. Si precipitano su ogni nuova offerta in misura da venti a quaranta volte superiore al numero di azioni disponibili. Queste schizzano verso l’alto nei giorni precedenti la quotazione, sforando qualsiasi parametro realistico. Le banche “adviser” ed i manager dovrebbero avere la saggezza, ed il rigore, di calmierare i prezzi iniziali per evitare la bolla e il suo inevitabile successivo sgonfiamento. Che getta nel discredito le aziende come successo recentemente a Lastminute.com – Londra – ed a World Online – Amsterdam -, nel secondo caso perfino con l’amministratore delegato che si era venduta  le azioni in anticipo (ben il 6,4% del totale) speculando sull’effetto bolla. Da non crederci. Questi giochini  non vanno più fatti perché portano a fallimenti ed alla sfiducia generale. Per evitarli è necessario, oltre che premere per una più efficace autoregolazione deontologica del mercato, anche un più forte controllo da parte delle autorità borsistiche. In America funziona abbastanza bene e, pur con molto lavoro ancora da fare, possiamo ben sperare. In Europa siamo ancora lontani, soprattutto al riguardo della regolazione dei “Nuovi mercati”. Questi, proprio per attirare concorrenzialmente nuove quotazioni, hanno rilassato i controlli di accesso. E’ una strategia suicida perché stimola l’offerta di bidoni. Poi vanno ben regolati i vincoli di comportamento dei titoli azionari. Per esempio, l’appena – e frettolosamente nato -  “Nuevo mercado” – Madrid - permette oscillazioni in basso ed in alto del 25% di un’azione prima di sospendere il titolo. E’ un raggio troppo ampio che incentiva la volatilità e favorisce speculazioni opache. Va ristretto. Soprattutto, ci dovrebbe essere un’unica autorità europea per regolare tutte le Borse continentali in modo rigoroso e credibile, tipo la Security Exchange Commission (Sec) statunitense. Questi interventi, sia sul piano istituzionale che in termini di richiamo dei soggetti finanziari alla deontologia professionale, sono urgentissimi, particolarmente in ambiente europeo, per incanalare la crescita del settore tecnologico in modo tale che eviti sia le inondazioni sia le siccità. Speriamo che lo capiscano in tempo.

(c) 2000 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli