Ehi, sveglia. L'Italia è a rischio. Non é retorica né catastrofismo al servizio polemico di una parte politica. I dati mostrano che il paese sta degenerando verso il sottosviluppo. Intendiamoci, non sono dati nuovi. E' da due anni che ogni giorno riceviamo uno stillicidio di brutte notizie. Ma non le abbiamo mai messe tutte insieme e valutate nel loro significato complessivo. Proviamo a farlo, pur schematicamente, e vedremo che siamo di fronte, per la prima volta dal dopoguerra, ad una vera e propria "questione nazionale".

Economia reale. La grande e media industria, pur poca, ce la stiamo perdendo tutta. La maggior parte delle unità - forse con l'eccezione della Fiat - sono troppo piccole per acquisirne altre all'estero e così diventare sistemi grandi abbastanza per essere competivi nel mercato globale. Ciò significa che altre grandi industrie con quartieri generali altrove compreranno le nostre. Qual é il problema? Che le funzioni più nobili (ricerca e sviluppo) ed il "valore aggiunto" migreranno dal territorio italiano verso altri. A questo dato si aggiunge il fatto che la nostra presenza nei settori ad alta tecnologia é minima. Computer, (grandi) sistemi di software, prodotti biotecnologici, servizi avanzati non li produciamo in scala industriale. Sono i settori del futuro. Non avendo questi e perdendo il resto, ditemi voi come si farà occupazione e, soprattutto, qualificata? In Francia si lamentano che diecimila giovani tecnici usciti dalle loro università sono in California per cercare lavoro e restare lì. Ma i nostri con educazione avanzata sono decine di migliaia che cercano in America lavoro e docenza in settori futurizzanti che in Italia, semplicemente, non esistono. Per fortuna la piccola e piccola-media industria resiste con buona capacità di innovare tecnologicamente il prodotto e/o il processo. Ma non cresce il numero delle unità industriali e, soprattutto, le piccole fanno fatica a diventare più grandi. Anche su questo settore stiamo rischiando un impoverimento progressivo. In sintesi, é impressionante vedere come in due anni le sorti dell'economia reale italiana siano peggiorate in termini di deindustrializzaione strisciante. Ed é altrettanto impressionante vedere come il risparmio italiano, la vera struttura di forza del nostro sistema economico, stia migrando verso l'estero perché non trova impieghi remunerativi nel nostro paese. Guardate i dati, li riguardino i tecnici. A me sembra che senza correzioni faremo presto un salto di due gradini in giù nelle classifiche dello sviluppo. Tra un po' andremo sotto la Spagna che dieci anni fa era a quattro gradini da noi.

Infrastrutture e servizi. Ne vedete da soli lo stato ed é inutile che reciti i dati di dissesto. Ma é utile avvertire che questa inefficienza provoca costi nascosti ed indiretti enormi oltre ad un peggioramento della qualità della vita. E questo é una dei fattori che servono per attrarre i capitali dall'estero in forma o di turisti o di manager che decidono di impiantare attività in Italia perché si vive bene. Purtroppo da noi non si vive più bene, a parte gli stupendi panorami e la cucina che é l'unico primato che manteniamo. E anche il turismo di qualità, quello che porta più soldi, ne soffre. Ma, peggio, la scuola é rimasta dieci anni indietro, l'università trenta. negli ospedali probabilmente non si muore come attacca qualcuno, ma certamente non si trovano quei servizi, a costo pari, che rendono elevata la qualità della vita, per dire, in Svizzera o in Germania.

Conti pubblici. Sono, semplicemente, insostenibili. Tutto il mondo ce lo dice. Il governo lo nega. Così la spesa pubblica sale continuamente, fuori controllo, e drena risorse per gli investimenti oltre a disincentivarli per le alte tasse. Questa é la causa principale dei nostri mali. Peggiorata perfino ogni oltre previsione dal 1996, spiace dirlo, da quando la sinistra é più direttamente, e non solo indirettamente come nel passato, al governo. E più ci resta meno sarà credibile la rinascita economica dell'Italia.

Credibilità, per altro, perduta ormai totalmente su altri piani. Mario Monti ha ben detto che esiste una svalutazione morale dell'Italia a causa della pochezza e litigiosità bizantina dei nostri politici (di maggioranza). E l'Italia non é nemmeno consultata sui tavoli europei per le decisioni che contano. Su quelli Nato, poi, é fuori dopo il caso Ocalan. Ma ci pensate? Un governo che sostiene il terrorismo. Follia. Che paghiamo in soldi.

La lista è più lunga. Ma il vederne un pezzo tutto insieme vi fa impressione o no? A me sì. Di che cosa devo andar fiero del mio paese? Veramente potrebbe un padre dire a suo figlio di restare in Italia? Certo, se ci confrontiamo all'Albania o cose del genere siamo un paradiso. Ma i nostri nonni e padri non hanno faticato per arrivare a questa miserrima soddisfazione. Hanno sognato una grande Italia. Che per un po' lo é stata. E quindi può tornare ad esserlo. Ma dai padri e dai nonni dobbiamo titra fuori una cosa che loro avevano e noi no: l'amore per l'Italia. Così vi invito a cominciare la riflessione sulla "questione nazionale".

" /> Ehi, sveglia. L'Italia è a rischio. Non é retorica né catastrofismo al servizio polemico di una parte politica. I dati mostrano che il paese sta degenerando verso il sottosviluppo. Intendiamoci, non sono dati nuovi. E' da due anni che ogni giorno riceviamo uno stillicidio di brutte notizie. Ma non le abbiamo mai messe tutte insieme e valutate nel loro significato complessivo. Proviamo a farlo, pur schematicamente, e vedremo che siamo di fronte, per la prima volta dal dopoguerra, ad una vera e propria "questione nazionale".

Economia reale. La grande e media industria, pur poca, ce la stiamo perdendo tutta. La maggior parte delle unità - forse con l'eccezione della Fiat - sono troppo piccole per acquisirne altre all'estero e così diventare sistemi grandi abbastanza per essere competivi nel mercato globale. Ciò significa che altre grandi industrie con quartieri generali altrove compreranno le nostre. Qual é il problema? Che le funzioni più nobili (ricerca e sviluppo) ed il "valore aggiunto" migreranno dal territorio italiano verso altri. A questo dato si aggiunge il fatto che la nostra presenza nei settori ad alta tecnologia é minima. Computer, (grandi) sistemi di software, prodotti biotecnologici, servizi avanzati non li produciamo in scala industriale. Sono i settori del futuro. Non avendo questi e perdendo il resto, ditemi voi come si farà occupazione e, soprattutto, qualificata? In Francia si lamentano che diecimila giovani tecnici usciti dalle loro università sono in California per cercare lavoro e restare lì. Ma i nostri con educazione avanzata sono decine di migliaia che cercano in America lavoro e docenza in settori futurizzanti che in Italia, semplicemente, non esistono. Per fortuna la piccola e piccola-media industria resiste con buona capacità di innovare tecnologicamente il prodotto e/o il processo. Ma non cresce il numero delle unità industriali e, soprattutto, le piccole fanno fatica a diventare più grandi. Anche su questo settore stiamo rischiando un impoverimento progressivo. In sintesi, é impressionante vedere come in due anni le sorti dell'economia reale italiana siano peggiorate in termini di deindustrializzaione strisciante. Ed é altrettanto impressionante vedere come il risparmio italiano, la vera struttura di forza del nostro sistema economico, stia migrando verso l'estero perché non trova impieghi remunerativi nel nostro paese. Guardate i dati, li riguardino i tecnici. A me sembra che senza correzioni faremo presto un salto di due gradini in giù nelle classifiche dello sviluppo. Tra un po' andremo sotto la Spagna che dieci anni fa era a quattro gradini da noi.

Infrastrutture e servizi. Ne vedete da soli lo stato ed é inutile che reciti i dati di dissesto. Ma é utile avvertire che questa inefficienza provoca costi nascosti ed indiretti enormi oltre ad un peggioramento della qualità della vita. E questo é una dei fattori che servono per attrarre i capitali dall'estero in forma o di turisti o di manager che decidono di impiantare attività in Italia perché si vive bene. Purtroppo da noi non si vive più bene, a parte gli stupendi panorami e la cucina che é l'unico primato che manteniamo. E anche il turismo di qualità, quello che porta più soldi, ne soffre. Ma, peggio, la scuola é rimasta dieci anni indietro, l'università trenta. negli ospedali probabilmente non si muore come attacca qualcuno, ma certamente non si trovano quei servizi, a costo pari, che rendono elevata la qualità della vita, per dire, in Svizzera o in Germania.

Conti pubblici. Sono, semplicemente, insostenibili. Tutto il mondo ce lo dice. Il governo lo nega. Così la spesa pubblica sale continuamente, fuori controllo, e drena risorse per gli investimenti oltre a disincentivarli per le alte tasse. Questa é la causa principale dei nostri mali. Peggiorata perfino ogni oltre previsione dal 1996, spiace dirlo, da quando la sinistra é più direttamente, e non solo indirettamente come nel passato, al governo. E più ci resta meno sarà credibile la rinascita economica dell'Italia.

Credibilità, per altro, perduta ormai totalmente su altri piani. Mario Monti ha ben detto che esiste una svalutazione morale dell'Italia a causa della pochezza e litigiosità bizantina dei nostri politici (di maggioranza). E l'Italia non é nemmeno consultata sui tavoli europei per le decisioni che contano. Su quelli Nato, poi, é fuori dopo il caso Ocalan. Ma ci pensate? Un governo che sostiene il terrorismo. Follia. Che paghiamo in soldi.

La lista è più lunga. Ma il vederne un pezzo tutto insieme vi fa impressione o no? A me sì. Di che cosa devo andar fiero del mio paese? Veramente potrebbe un padre dire a suo figlio di restare in Italia? Certo, se ci confrontiamo all'Albania o cose del genere siamo un paradiso. Ma i nostri nonni e padri non hanno faticato per arrivare a questa miserrima soddisfazione. Hanno sognato una grande Italia. Che per un po' lo é stata. E quindi può tornare ad esserlo. Ma dai padri e dai nonni dobbiamo titra fuori una cosa che loro avevano e noi no: l'amore per l'Italia. Così vi invito a cominciare la riflessione sulla "questione nazionale".

"/> Ehi, sveglia. L'Italia è a rischio. Non é retorica né catastrofismo al servizio polemico di una parte politica. I dati mostrano che il paese sta degenerando verso il sottosviluppo. Intendiamoci, non sono dati nuovi. E' da due anni che ogni giorno riceviamo uno stillicidio di brutte notizie. Ma non le abbiamo mai messe tutte insieme e valutate nel loro significato complessivo. Proviamo a farlo, pur schematicamente, e vedremo che siamo di fronte, per la prima volta dal dopoguerra, ad una vera e propria "questione nazionale".

Economia reale. La grande e media industria, pur poca, ce la stiamo perdendo tutta. La maggior parte delle unità - forse con l'eccezione della Fiat - sono troppo piccole per acquisirne altre all'estero e così diventare sistemi grandi abbastanza per essere competivi nel mercato globale. Ciò significa che altre grandi industrie con quartieri generali altrove compreranno le nostre. Qual é il problema? Che le funzioni più nobili (ricerca e sviluppo) ed il "valore aggiunto" migreranno dal territorio italiano verso altri. A questo dato si aggiunge il fatto che la nostra presenza nei settori ad alta tecnologia é minima. Computer, (grandi) sistemi di software, prodotti biotecnologici, servizi avanzati non li produciamo in scala industriale. Sono i settori del futuro. Non avendo questi e perdendo il resto, ditemi voi come si farà occupazione e, soprattutto, qualificata? In Francia si lamentano che diecimila giovani tecnici usciti dalle loro università sono in California per cercare lavoro e restare lì. Ma i nostri con educazione avanzata sono decine di migliaia che cercano in America lavoro e docenza in settori futurizzanti che in Italia, semplicemente, non esistono. Per fortuna la piccola e piccola-media industria resiste con buona capacità di innovare tecnologicamente il prodotto e/o il processo. Ma non cresce il numero delle unità industriali e, soprattutto, le piccole fanno fatica a diventare più grandi. Anche su questo settore stiamo rischiando un impoverimento progressivo. In sintesi, é impressionante vedere come in due anni le sorti dell'economia reale italiana siano peggiorate in termini di deindustrializzaione strisciante. Ed é altrettanto impressionante vedere come il risparmio italiano, la vera struttura di forza del nostro sistema economico, stia migrando verso l'estero perché non trova impieghi remunerativi nel nostro paese. Guardate i dati, li riguardino i tecnici. A me sembra che senza correzioni faremo presto un salto di due gradini in giù nelle classifiche dello sviluppo. Tra un po' andremo sotto la Spagna che dieci anni fa era a quattro gradini da noi.

Infrastrutture e servizi. Ne vedete da soli lo stato ed é inutile che reciti i dati di dissesto. Ma é utile avvertire che questa inefficienza provoca costi nascosti ed indiretti enormi oltre ad un peggioramento della qualità della vita. E questo é una dei fattori che servono per attrarre i capitali dall'estero in forma o di turisti o di manager che decidono di impiantare attività in Italia perché si vive bene. Purtroppo da noi non si vive più bene, a parte gli stupendi panorami e la cucina che é l'unico primato che manteniamo. E anche il turismo di qualità, quello che porta più soldi, ne soffre. Ma, peggio, la scuola é rimasta dieci anni indietro, l'università trenta. negli ospedali probabilmente non si muore come attacca qualcuno, ma certamente non si trovano quei servizi, a costo pari, che rendono elevata la qualità della vita, per dire, in Svizzera o in Germania.

Conti pubblici. Sono, semplicemente, insostenibili. Tutto il mondo ce lo dice. Il governo lo nega. Così la spesa pubblica sale continuamente, fuori controllo, e drena risorse per gli investimenti oltre a disincentivarli per le alte tasse. Questa é la causa principale dei nostri mali. Peggiorata perfino ogni oltre previsione dal 1996, spiace dirlo, da quando la sinistra é più direttamente, e non solo indirettamente come nel passato, al governo. E più ci resta meno sarà credibile la rinascita economica dell'Italia.

Credibilità, per altro, perduta ormai totalmente su altri piani. Mario Monti ha ben detto che esiste una svalutazione morale dell'Italia a causa della pochezza e litigiosità bizantina dei nostri politici (di maggioranza). E l'Italia non é nemmeno consultata sui tavoli europei per le decisioni che contano. Su quelli Nato, poi, é fuori dopo il caso Ocalan. Ma ci pensate? Un governo che sostiene il terrorismo. Follia. Che paghiamo in soldi.

La lista è più lunga. Ma il vederne un pezzo tutto insieme vi fa impressione o no? A me sì. Di che cosa devo andar fiero del mio paese? Veramente potrebbe un padre dire a suo figlio di restare in Italia? Certo, se ci confrontiamo all'Albania o cose del genere siamo un paradiso. Ma i nostri nonni e padri non hanno faticato per arrivare a questa miserrima soddisfazione. Hanno sognato una grande Italia. Che per un po' lo é stata. E quindi può tornare ad esserlo. Ma dai padri e dai nonni dobbiamo titra fuori una cosa che loro avevano e noi no: l'amore per l'Italia. Così vi invito a cominciare la riflessione sulla "questione nazionale".

" />



 ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

il Giornale

1999-2-1

1/2/1999

La questione nazionale

Ehi, sveglia. L'Italia è a rischio. Non é retorica né catastrofismo al servizio polemico di una parte politica. I dati mostrano che il paese sta degenerando verso il sottosviluppo. Intendiamoci, non sono dati nuovi. E' da due anni che ogni giorno riceviamo uno stillicidio di brutte notizie. Ma non le abbiamo mai messe tutte insieme e valutate nel loro significato complessivo. Proviamo a farlo, pur schematicamente, e vedremo che siamo di fronte, per la prima volta dal dopoguerra, ad una vera e propria "questione nazionale".

Economia reale. La grande e media industria, pur poca, ce la stiamo perdendo tutta. La maggior parte delle unità - forse con l'eccezione della Fiat - sono troppo piccole per acquisirne altre all'estero e così diventare sistemi grandi abbastanza per essere competivi nel mercato globale. Ciò significa che altre grandi industrie con quartieri generali altrove compreranno le nostre. Qual é il problema? Che le funzioni più nobili (ricerca e sviluppo) ed il "valore aggiunto" migreranno dal territorio italiano verso altri. A questo dato si aggiunge il fatto che la nostra presenza nei settori ad alta tecnologia é minima. Computer, (grandi) sistemi di software, prodotti biotecnologici, servizi avanzati non li produciamo in scala industriale. Sono i settori del futuro. Non avendo questi e perdendo il resto, ditemi voi come si farà occupazione e, soprattutto, qualificata? In Francia si lamentano che diecimila giovani tecnici usciti dalle loro università sono in California per cercare lavoro e restare lì. Ma i nostri con educazione avanzata sono decine di migliaia che cercano in America lavoro e docenza in settori futurizzanti che in Italia, semplicemente, non esistono. Per fortuna la piccola e piccola-media industria resiste con buona capacità di innovare tecnologicamente il prodotto e/o il processo. Ma non cresce il numero delle unità industriali e, soprattutto, le piccole fanno fatica a diventare più grandi. Anche su questo settore stiamo rischiando un impoverimento progressivo. In sintesi, é impressionante vedere come in due anni le sorti dell'economia reale italiana siano peggiorate in termini di deindustrializzaione strisciante. Ed é altrettanto impressionante vedere come il risparmio italiano, la vera struttura di forza del nostro sistema economico, stia migrando verso l'estero perché non trova impieghi remunerativi nel nostro paese. Guardate i dati, li riguardino i tecnici. A me sembra che senza correzioni faremo presto un salto di due gradini in giù nelle classifiche dello sviluppo. Tra un po' andremo sotto la Spagna che dieci anni fa era a quattro gradini da noi.

Infrastrutture e servizi. Ne vedete da soli lo stato ed é inutile che reciti i dati di dissesto. Ma é utile avvertire che questa inefficienza provoca costi nascosti ed indiretti enormi oltre ad un peggioramento della qualità della vita. E questo é una dei fattori che servono per attrarre i capitali dall'estero in forma o di turisti o di manager che decidono di impiantare attività in Italia perché si vive bene. Purtroppo da noi non si vive più bene, a parte gli stupendi panorami e la cucina che é l'unico primato che manteniamo. E anche il turismo di qualità, quello che porta più soldi, ne soffre. Ma, peggio, la scuola é rimasta dieci anni indietro, l'università trenta. negli ospedali probabilmente non si muore come attacca qualcuno, ma certamente non si trovano quei servizi, a costo pari, che rendono elevata la qualità della vita, per dire, in Svizzera o in Germania.

Conti pubblici. Sono, semplicemente, insostenibili. Tutto il mondo ce lo dice. Il governo lo nega. Così la spesa pubblica sale continuamente, fuori controllo, e drena risorse per gli investimenti oltre a disincentivarli per le alte tasse. Questa é la causa principale dei nostri mali. Peggiorata perfino ogni oltre previsione dal 1996, spiace dirlo, da quando la sinistra é più direttamente, e non solo indirettamente come nel passato, al governo. E più ci resta meno sarà credibile la rinascita economica dell'Italia.

Credibilità, per altro, perduta ormai totalmente su altri piani. Mario Monti ha ben detto che esiste una svalutazione morale dell'Italia a causa della pochezza e litigiosità bizantina dei nostri politici (di maggioranza). E l'Italia non é nemmeno consultata sui tavoli europei per le decisioni che contano. Su quelli Nato, poi, é fuori dopo il caso Ocalan. Ma ci pensate? Un governo che sostiene il terrorismo. Follia. Che paghiamo in soldi.

La lista è più lunga. Ma il vederne un pezzo tutto insieme vi fa impressione o no? A me sì. Di che cosa devo andar fiero del mio paese? Veramente potrebbe un padre dire a suo figlio di restare in Italia? Certo, se ci confrontiamo all'Albania o cose del genere siamo un paradiso. Ma i nostri nonni e padri non hanno faticato per arrivare a questa miserrima soddisfazione. Hanno sognato una grande Italia. Che per un po' lo é stata. E quindi può tornare ad esserlo. Ma dai padri e dai nonni dobbiamo titra fuori una cosa che loro avevano e noi no: l'amore per l'Italia. Così vi invito a cominciare la riflessione sulla "questione nazionale".

(c) 1999 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli