ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

Il Sole 24 Ore

1998-11-9

9/11/1998

La legge Tremonti sarebbe la miglior terapia contro la recessione e non si capisce perché il governo non la voglia ripristinare

E' incomprensibile, data l'emergenza economica, che il governo non voglia riattivare la legge Tremonti. Ruba parlamentari, rubi anche le idee buone. Soprattutto quando sono le uniche capaci di salvare l'economia nazionale. Solo la detassazione degli utili d'impresa investiti in nuova attività é in grado di produrre un effetto immediato di crescita, restando irriformabili gli altri fattori che la deprimono. Purtroppo non possiamo aspettarci che nel 1999 e 2000 il governo, a meno che non si cambi maggioranza, riduca sostanzialmente i carichi fiscali complessivi e la rigidità del mercato del lavoro. E questo é un braccio della tenaglia recessiva che soffoca i consumi interni ed i nuovi investimenti. Nella prima parte del 1999 la domanda globale resterà ancora debole e le esportazioni italiane continueranno a soffrire, il secondo braccio. Stretta nella morsa, l'Italia é condannata alla stagnazione-recessione, cioé ad una crescita del Pil tra lo 0,8% e l'1,5%, nel 1999. Alla fine del prossimo anno ci sarà probabilmente la ripresa dell'economia mondiale. Ma per intercettarla, le piccole e medie aziende italiane dovranno essere più caricate di competitività. Qui il punto. Bisogna metterle in grado adesso di investire sia per resistere meglio nella congiuntura sia per farle decollare dopo. Vediamo la cosa in concreto.

Brescia. Piccola azienda che vende bulloni nel mercato globale. Gli asiatici producono la stessa merce con la medesima qualità. Ma la riescono a vendere con prezzi minori in quanto la svalutazione delle loro monete ne dimezza i costi di produzione. Chiude l'azienda bresciana? Neanche per sogno. L'imprenditore sta riuscendo a compensare la concorrenza per costo di produzione migliorando la logistica, cioé tutto quello che va dal costo di trasporto ai tempi di consegna. E riesce a stare sul mercato, eroicamente. Ma i margini di profitto si riducono quasi a zero. Inoltre, quando le monete asiatiche si rialzeranno la situazione non migliorarà di molto. I concorrenti avranno capito anche loro come migliorare la componente logistica. Il nostro imprenditore dovrà migliorare ancora di più. E per farlo deve investire in nuovi sistemi, adesso. Ma, con poco utile nel presente e preoccupato per le prospettive, ha bisogno di un forte incentivo per esporsi finanziariamente. E una legge Tremonti sarebbe esattamente quello che ci vuole. Invece di dare via, per dire, un miliardo di tasse, una parte di questo sarebbe reinvestito in nuovi macchinari, acquisizioni di capacità estera, nuovo personale.

Questo esempio può applicarsi alla situazione di tutti i settori italiani che producono merci direttamente in competizione, sui mercati terzi, con quelle prodotte da paesi a valuta, costi fiscali e del lavoro più bassi. Componentistica a media e bassa tecnologia, calzature, tessile, ecc. Il cuore del motore produttivo e dell'occupazione in Italia. Ha bisogno di nuovo sangue, cioé di investire in competitività (avendo perso quella valutaria dopo l'entrata nell'euro). E deve farlo subito.

Il governo conosce il problema. Ma cerca di risolverlo con un metodo sbagliato, cioé le tipiche ricette di sinistra, tipo patti sociali o misurette d'aiuto - per lo più date agli amici. Di fatto non sta creando l'ambiente favorevole per massicci reinvestimenti d'emergenza. E c'é una complicazione. Con le mie orecchie, in un seminario, ho sentito economisti di sinistra sostenere la seguente tesi. Non é necessariamente un male che la piccola e media industria dedicata a prodotti di media e bassa tecnologia abbia difficoltà. E' impossibile competere nel futuro su questo piano con i paesi emergenti a costi sistemici minori. Bisogna invece puntare a grandi imprese che producano oggetti ad alta tecnologia dove i costi fiscali e del lavoro pesino di meno sulla concorrenzialità. Dilettantismo da brivido. Cosa facciamo mentre aspettiamo la mitica reindustrializzazione? Chiudiamo l'Italia che é fatta tutta di piccole e medie imprese, fortunatamente desindacalizzate, per lo più specializzate in prodotti a tecnologia media? In realtà il problema non é quello di non fare più il vaso e cercare solo di produrre il telefonino. Un vaso italiano prodotto con un processo ad altissima tecnologia, sostenuto da una logistica efficientissima e da un marketing avanzato, può benissimo competere con il vaso fatto in Cina da lavoratori che costano trenta vole meno di quelli italiani, ma con un processo arretrato. E fare utile. L'Italia non deve mollare il suo settore intermedio, che é portante, ma permettergli di innovare i processi produttivi in modo tale da compensare lo svantaggio sul piano dei costi. Questa é la via giusta, in generale.

In particolare, e oggi, il ripristino della legge Tremonti sarebbe la miglior terapia d'urgenza, con buoni effetti anche a medio periodo. Con una variazione. Nella sua prima applicazione la legge fu snaturata e resa pericolosa, non per volontà del firmatario, dall'imposizione di un limite temporale. L'incentivo fiscale a reinvestire, se in un tempo limitato, provoca inflazione. Basta non mettere più questo limite e la legge sarebbe perfetta. Il governo deve spiegare perché non la vuole fare. E non dica che la misura mette a rischio il gettitio fiscale perché non é vero. La crescita reale ne aumenterebbe il volume complessivo compensando la defiscalizzazione specifica. Ci spieghi quale altro motivo é di ostacolo. Temo sia solo ideologico.

(c) 1998 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli