ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  
menu
fb Tw g+ print

Il Foglio

2011-10-11

11/10/2011

La Francia è il vero ventre molle dell’Eurozona

Come potrebbe avvenire la dissoluzione dell’euro? La domanda è stata indirizzata al think thank del rubricante da fondi globali che temono di non poter pagare le pensioni nel futuro anche perché non riescono a capire in quale moneta massimizzare gli investimenti. A loro non basta che la probabilità bayesiana – inferenza soggettivista derivata dal calcolo di capacita strutturale -  di implosione dell’Eurozona sia molto bassa. In base alla probabilità definita da frequenze storiche, infatti, vedono che quando un modello politico non è sufficientemente coerente o efficace può destrutturarsi a sorpresa. Per questo si sono rivolti ad un gruppo di scenaristica con strumenti di individuazione delle discontinuità. Più precisamente, la domanda è stata: quale fattore che ora non si vede potrebbe creare la discontinuità in un Eurozona che appare stabile, ma la cui configurazione è metastabile, quindi vulnerabile a fluttuazioni incontenibili?

In generale, la vulnerabilità dell’eurozona non è strettamente finanziaria. In caso di guai veri la Bce, se le lasciano violare lo statuto che lo impedisce, ha la possibilità di stampare, e generare in forme indirette, moneta in quantità che possono assorbire eventuali insolvenze fino a 5-6 trilioni di euro, estendibili via concorso internazionale.  Un primo punto di rottura potrebbe essere la Germania che non accetta il rischio di inflazione conseguente ed esce dall’euro. Ma la probabilità è bassa in quanto metterebbe a rischio eccessivo, per concorrenza valutaria, il proprio sistema industriale. La vulnerabilità, invece, è sociale. La configurazione deflazionistica dello spazio economico tedesco, denominazione più corretta dell’Eurozona, tende a creare situazioni di moneta forte combinata con economia debole nelle nazioni. Ciò porta  all’impoverimento delle popolazioni - circa il 25% degli europei ha perso ricchezza dal 1999 a causa dell’eurogabbia  maldisegnata – accelerato nei casi di riordinamento via rigore pressante, che alza il rischio di rivolte popolari. In quali nazioni tali rivolte potrebbero avere intensità e linguaggi tali da provocare una secessione politica dall’Eurozona? In Italia e Spagna le intensità potranno essere forti, ma difficilmente i linguaggi diventeranno eurosecessionisti. Solo in Francia e Grecia la probabilità di una rivolta popolare si aggancia a quella di euro-secessione in quanto popolazione ed élite restano ancorate a miti identitarisupernazionalistici. La secessione della Grecia non destabilizzerebbe l’euro, ma quella della Francia lo farebbe rendendo la seconda il vero punto di cedimento potenziale del sistema.        

(c) 2011 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli