ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

Il Foglio

2009-9-8

8/9/2009

La politica debole rischia di trasformare la ripresa lenta in stagnazione lunga

Quando finirà l’effetto degli stimoli economici d’emergenza in America, Cina ed eurozona, qui per altro minimi, cosa trainerà la ripresa globale?

Scenario A: l’America fa il miracolo e torna locomotiva mondiale. Da un lato, Bernanke prevede una accelerazione progressiva della “ripresa lenta” ora in atto. Dall’altro, i dati correnti non la rendono probabile. La disoccupazione aumenterà fino al 2010. Quasi mille banche locali sono a rischio per insolvenze da recessione. Il mercato immobiliare ci metterà un triennio per tornare a galla. Altrettanti serviranno per ricostruire il risparmio privato. Nuovi stimoli saranno in conflitto con il contenimento del deficit e dell’inflazione. I consumi non saliranno a sufficienza per trainare, via importazioni, la crescita globale. Scenario B: la Cina passa da un modello basato sull’export ad uno di autocrescita, tirando l’America e ripristinando la locomotiva sino-americana che poi aumenterà l’export europeo rimettendo in moto il volano globale. Nel primo semestre è stato così, ma solo grazie ad una stimolazione di breve che Pechino non rinnoverà perché non può. Scenario C: l’Europa fa questo lavoro di locomotiva sostitutiva. Non c’è segno. I suoi stati hanno fatto stimolazioni insufficienti, generando una disoccupazione a tendenza oltre il 12%, perché confidano nelle locomotive americana e cinese. Ma, appunto, la prima ha bisogno di almeno tre anni di riparazione e la seconda non può cambiare modello. Rinnovare gli stimoli? Così aumenterebbero debito ed inflazione. La seconda può convivere con la deflazione in una combinazione destabilizzante. Infatti le Banche centrali avrebbero già dovuto alzare il costo del denaro in base all’inflazione rinascente, ma stanno tardando per non aggravare la disoccupazione. La Bce alzerà prima della Fed, ma così si rischierà una ricaduta recessiva in Europa combinata con la caduta del dollaro ed un’ondata di inflazione globale. Nel G20 di Londra i governi hanno, di fatto, concordato sulla continuazione di stimolini, un po’ di inflazioncina e debitini, cioè della formula attuale solo riducendola per attutirne gli effetti controproducenti. Ma tale politica debole potrebbe trasformare la crescita lenta in stagnazione lunga, densa di rischi di ricadute, perché non crea il fattore trainante. Ma c’è? Certo, è la ricostruzione dell’industria finanziaria in modo da creare una pompa di capitale privato non inflazionistico che torni ad irrorare il corpo dell’economia mondiale riducendo il fabbisogno di stimolazioni pubbliche. Per questo è preoccupante la continuazione delle demonizzazioni populistiche del sistema finanziario.      

(c) 2009 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli