ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

Il Foglio

2007-12-18

18/12/2007

Per integrare la Russia nell’occidente bisognerà riparare un errore americano

L’alleanza tra Stati Uniti ed Unione europea è una condizione necessaria per mantenere il dominio del “criterio occidentale” sul pianeta, ma non sufficiente. Manca, in termini di scala geopolitica, militare ed energetica, la Russia. Come portarla a bordo?

Perché Putin, dal 1999, ha modificato la collocazione occidentale della Russia? La storia scritta dai media occidentali ci fa intendere che abbia attuato un golpe per fini di potere personale e neoimperiale avvalendosi di amichetti ex-KGB, che l’America gli si sia messa contro per tutela della democrazia, i due sempre più divergenti a causa dell’aggressività del nuovo zar. La realtà è diversa. Dal 1996 al 1999 Boris Yeltsin ebbe bisogno dei 25 grandi oligarchi per tenere in piedi l’economia in crisi. In cambio li nominò, di fatto, feudatari. Putin/Luigi 14° volle riportare il potere entro lo Stato ed invertire l’anarchia interna. Convinse alcuni oligarchi con le buone, ma dovette combattere con quelli del settore energetico, più potenti dello Stato e alleati con compagnie petrolifere statunitensi. Quando rinazionalizzò le risorse energetiche, Washington difese gli oligarchi amici e la stampa occidentale lo demonizzò. In sintesi, la divergenza russa-americana sembra originata, dal 2001, da un interesse anomalo dell’Amministrazione Bush e non da una strategia razionale. Infatti per l’America l’alleanza con la Russia è necessaria e viceversa. Per esempio, la Siberia piena di petrolio e priva di popolazione è un bersaglio prospettico per la Cina sovrapopolata e senza energia. Se sarà guerra Mosca la perderà a meno che non partecipi ad una alleanza occidentale che dissuada Pechino. Probabilmente Washington tornerà a pensare in termini razionali ai primi del 2009. Ma resterà la questione di dove collocare la Russia. Il suo orgoglio deve essere rispettato per evitare divergenze. E’ troppo grande per far parte della Ue. L’economia russa è priva di industria leggera e si basa sulla produzione di grandi sistemi, armi ed impianti nucleari, che deve vendere per forza, spesso a clienti antioccidentali. Pertanto bisognerà concepire un’area di libero scambio privilegiato tra Nafta, Ue e Russia ed un prodotto finanziario megasintetico che anticipi la cassa per investimenti modernizzanti in Russia, garantiti dal suo petrolio. Divertente, un mutuo “subprime” geopolitico da cartolarizzare. Seriamente, cosa manca per avviare questo scenario di riconvergenza? Noi occidentali dovremmo scusarci con Putin, ma lui ora dovrebbe evitare eccitazioni, ritorsioni, ricatti e ridurre la divergenza in merito a Kosovo ed Iran. Paniemajo?                          

(c) 2007 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli