ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

Il Foglio

2007-2-6

6/2/2007

Possibile utilità dell'ecocatastrofismo

L’ecocatastrofismo è risibile ma se aiuta la soluzione nucleare potrebbe essere utile

Lo scenario Onu (Icpp) sul riscaldamento globale è migliorato: nel 2001 prevedeva entro il secolo un aumento del livello del mare dai 9 agli 88 centimetri mentre nel 2007 è tra i 18 e 59, picco ribassato. Il contributo dei gas serra all’incremento delle temperature era stimato attorno al 70%, ora è del 95%. Potremmo ridere chiedendoci dove sono le emissioni su Giove visto che anche la sua temperatura media sta aumentando. I gas serra che evitano la dispersione del calore terrestre nello spazio (warming) anche aiutano a ridurre la temperatura filtrando l’irradiazione (dimming): se il sole scalda di più dovremo emettere più peti per raffreddare la Terra. Il tono scherzoso potrebbe continuare svelando il giochino dell’ecocatastrofismo: doto di valore le emissioni convincendo che sono la causa principale dell’ecopericolo per poi gestirne il mercato e farci soldi. Ma è improduttivo scherzare sulla materia perché è emerso un problema molto grave. Gli studi climatologici stanno mostrando che il pianeta cambia spesso e repentinamente. Dodicimila anni fa i mari erano di cento metri più bassi ed i ghiacci estesi e poi di colpo i secondi si sono sciolti. Quanto velocemente? Non si sa, ma l’onnipresenza del diluvio negli antichi testi fa pensare. Come lo fa il trovare (se vero) l’erbetta nello stomaco di mammuth congelati nel permafrost siberiano. Il dato è che gli insediamenti umani si sono adattati ad una configurazione del pianeta che non è stabile e che questi sono vulnerabili a variazioni ambientali estreme, piuttosto probabili. Un’eruzione vulcanica potrebbe far durare l’inverno per decenni. Una variazione dell’orbita potrebbe desertificare o ghiacciare tutto in poco tempo. Come evitare catastrofi? Lo stato della tecnologia non permette di sperare di controllare, nei prossimi secoli, la fisica terrestre e del sistema solare. Ma promette di poter ridurre la vulnerabilità degli habitat alle variazioni climatiche isolandoli da queste. Ghiaccio o deserto, se climatizzata una città lavora lo stesso. Il punto: pur risibile, l’ecocatastrofismo sollecita attenzioni utili per avviare la strategia di artificializzazione. Facciamo un test: il modo più serio per ridurre le emissioni è quello di generare più energia via nucleare e meno via idrocarburi. Più energia a basso costo è supporto basico per ogni sistema di ecologia artificiale (ciclo dell’acqua via desalinizzazione; città totoclimatizzate, reingegnerizzazione del territorio, ecc.). Se verdi ed ecocatastrofisti sosterranno la soluzione nucleare noi razionali non li sbertucceremo più. Voltiamo pagina: contratto? 

(c) 2007 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli