Con un debito pubblico al 130% del Pil l’Italia non può permettersi né disordine politico né governi/maggioranze con indirizzi divergenti dal requisito di rendere sostenibile il debito stesso nonché ripagabile nel tempo. Un qualsiasi governo italiano, detto altrimenti, deve seguire un binario preciso. Se non lo facesse, il mercato internazionale non rifinanzierebbe più il debito e questo cadrebbe nella condizione di insolvenza portandosi dietro nel baratro tutta l’economia. Ma per prevenire tale rischio la cui attualizzazione farebbe crollare l’euro, Ue e Bce imporrebbero all’Italia di entrare in un programma di aiuto (acquisto dei titoli di debito) condizionato alla gestione europea – e dei tecnici del Fmi – delle politiche economiche e di bilancio pubblico, in dettaglio. L’Italia, cioè, perderebbe la sovranità residua. Parecchi colleghi vedono con favore un governo esterno e diretto dell’Italia perché ritengono i politici incapaci di portarla verso un riequilibrio economico. Nei seminari, infatti, questi tratteggiano i punti principali dell’eventuale intervento Ue-Bce-Fmi, derivandoli dalla lettera inviata al governo italiano dalla Bce nell’estate del 2011: taglio della spesa pubblica di almeno 90 miliardi strutturali per arrivare sia al pareggio di bilancio sia ad una riduzione delle tasse per stimolare la crescita, condizioni che evitano di aumentare il debito e permettono di ripagarlo con gettito fiscale in aumento grazie alla maggiore crescita e non a nuove tasse depressive. In effetti, sulla carta, sarebbe la soluzione esterna per rendere sostenibile il debito che la politica italiana non riesce a fare. Ma tale soluzione implica atti traumatici, tra cui il licenziamento di almeno 1/5 dei dipendenti pubblici e riduzioni di salario, oggi osservabili nella gestione esterna della Grecia, che destabilizzerebbero la nazione. Per questo motivo sarebbe vitale per l’interesse nazionale che la politica italiana riuscisse a realizzare il medesimo riequilibrio, ma in modi sovrani e calibrati per evitare shock. Tuttavia, osservando le espressioni dei partiti in questi giorni, mi sembra evidente che una parte notevole della politica italiana non abbia chiaro quale sia il binario ed il rischio di commissariamento se deragliasse. Uomini e donne dei partiti si comportano come se l’Italia fosse sovrana, e non parte dell’Eurozona, nonché economicamente sana invece che malata, e potesse permettersi il lusso di emozioni ed opzioni politiche non vincolate al binario di riequilibrio. Ritengo importante sottolineare che tale lusso non possiamo permettercelo.

" /> Con un debito pubblico al 130% del Pil l’Italia non può permettersi né disordine politico né governi/maggioranze con indirizzi divergenti dal requisito di rendere sostenibile il debito stesso nonché ripagabile nel tempo. Un qualsiasi governo italiano, detto altrimenti, deve seguire un binario preciso. Se non lo facesse, il mercato internazionale non rifinanzierebbe più il debito e questo cadrebbe nella condizione di insolvenza portandosi dietro nel baratro tutta l’economia. Ma per prevenire tale rischio la cui attualizzazione farebbe crollare l’euro, Ue e Bce imporrebbero all’Italia di entrare in un programma di aiuto (acquisto dei titoli di debito) condizionato alla gestione europea – e dei tecnici del Fmi – delle politiche economiche e di bilancio pubblico, in dettaglio. L’Italia, cioè, perderebbe la sovranità residua. Parecchi colleghi vedono con favore un governo esterno e diretto dell’Italia perché ritengono i politici incapaci di portarla verso un riequilibrio economico. Nei seminari, infatti, questi tratteggiano i punti principali dell’eventuale intervento Ue-Bce-Fmi, derivandoli dalla lettera inviata al governo italiano dalla Bce nell’estate del 2011: taglio della spesa pubblica di almeno 90 miliardi strutturali per arrivare sia al pareggio di bilancio sia ad una riduzione delle tasse per stimolare la crescita, condizioni che evitano di aumentare il debito e permettono di ripagarlo con gettito fiscale in aumento grazie alla maggiore crescita e non a nuove tasse depressive. In effetti, sulla carta, sarebbe la soluzione esterna per rendere sostenibile il debito che la politica italiana non riesce a fare. Ma tale soluzione implica atti traumatici, tra cui il licenziamento di almeno 1/5 dei dipendenti pubblici e riduzioni di salario, oggi osservabili nella gestione esterna della Grecia, che destabilizzerebbero la nazione. Per questo motivo sarebbe vitale per l’interesse nazionale che la politica italiana riuscisse a realizzare il medesimo riequilibrio, ma in modi sovrani e calibrati per evitare shock. Tuttavia, osservando le espressioni dei partiti in questi giorni, mi sembra evidente che una parte notevole della politica italiana non abbia chiaro quale sia il binario ed il rischio di commissariamento se deragliasse. Uomini e donne dei partiti si comportano come se l’Italia fosse sovrana, e non parte dell’Eurozona, nonché economicamente sana invece che malata, e potesse permettersi il lusso di emozioni ed opzioni politiche non vincolate al binario di riequilibrio. Ritengo importante sottolineare che tale lusso non possiamo permettercelo.

"/> Con un debito pubblico al 130% del Pil l’Italia non può permettersi né disordine politico né governi/maggioranze con indirizzi divergenti dal requisito di rendere sostenibile il debito stesso nonché ripagabile nel tempo. Un qualsiasi governo italiano, detto altrimenti, deve seguire un binario preciso. Se non lo facesse, il mercato internazionale non rifinanzierebbe più il debito e questo cadrebbe nella condizione di insolvenza portandosi dietro nel baratro tutta l’economia. Ma per prevenire tale rischio la cui attualizzazione farebbe crollare l’euro, Ue e Bce imporrebbero all’Italia di entrare in un programma di aiuto (acquisto dei titoli di debito) condizionato alla gestione europea – e dei tecnici del Fmi – delle politiche economiche e di bilancio pubblico, in dettaglio. L’Italia, cioè, perderebbe la sovranità residua. Parecchi colleghi vedono con favore un governo esterno e diretto dell’Italia perché ritengono i politici incapaci di portarla verso un riequilibrio economico. Nei seminari, infatti, questi tratteggiano i punti principali dell’eventuale intervento Ue-Bce-Fmi, derivandoli dalla lettera inviata al governo italiano dalla Bce nell’estate del 2011: taglio della spesa pubblica di almeno 90 miliardi strutturali per arrivare sia al pareggio di bilancio sia ad una riduzione delle tasse per stimolare la crescita, condizioni che evitano di aumentare il debito e permettono di ripagarlo con gettito fiscale in aumento grazie alla maggiore crescita e non a nuove tasse depressive. In effetti, sulla carta, sarebbe la soluzione esterna per rendere sostenibile il debito che la politica italiana non riesce a fare. Ma tale soluzione implica atti traumatici, tra cui il licenziamento di almeno 1/5 dei dipendenti pubblici e riduzioni di salario, oggi osservabili nella gestione esterna della Grecia, che destabilizzerebbero la nazione. Per questo motivo sarebbe vitale per l’interesse nazionale che la politica italiana riuscisse a realizzare il medesimo riequilibrio, ma in modi sovrani e calibrati per evitare shock. Tuttavia, osservando le espressioni dei partiti in questi giorni, mi sembra evidente che una parte notevole della politica italiana non abbia chiaro quale sia il binario ed il rischio di commissariamento se deragliasse. Uomini e donne dei partiti si comportano come se l’Italia fosse sovrana, e non parte dell’Eurozona, nonché economicamente sana invece che malata, e potesse permettersi il lusso di emozioni ed opzioni politiche non vincolate al binario di riequilibrio. Ritengo importante sottolineare che tale lusso non possiamo permettercelo.

" />



 ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

La Voce di Romagna

2013-8-6

6/8/2013

Il debito vieta il disordine politico

Con un debito pubblico al 130% del Pil l’Italia non può permettersi né disordine politico né governi/maggioranze con indirizzi divergenti dal requisito di rendere sostenibile il debito stesso nonché ripagabile nel tempo. Un qualsiasi governo italiano, detto altrimenti, deve seguire un binario preciso. Se non lo facesse, il mercato internazionale non rifinanzierebbe più il debito e questo cadrebbe nella condizione di insolvenza portandosi dietro nel baratro tutta l’economia. Ma per prevenire tale rischio la cui attualizzazione farebbe crollare l’euro, Ue e Bce imporrebbero all’Italia di entrare in un programma di aiuto (acquisto dei titoli di debito) condizionato alla gestione europea – e dei tecnici del Fmi – delle politiche economiche e di bilancio pubblico, in dettaglio. L’Italia, cioè, perderebbe la sovranità residua. Parecchi colleghi vedono con favore un governo esterno e diretto dell’Italia perché ritengono i politici incapaci di portarla verso un riequilibrio economico. Nei seminari, infatti, questi tratteggiano i punti principali dell’eventuale intervento Ue-Bce-Fmi, derivandoli dalla lettera inviata al governo italiano dalla Bce nell’estate del 2011: taglio della spesa pubblica di almeno 90 miliardi strutturali per arrivare sia al pareggio di bilancio sia ad una riduzione delle tasse per stimolare la crescita, condizioni che evitano di aumentare il debito e permettono di ripagarlo con gettito fiscale in aumento grazie alla maggiore crescita e non a nuove tasse depressive. In effetti, sulla carta, sarebbe la soluzione esterna per rendere sostenibile il debito che la politica italiana non riesce a fare. Ma tale soluzione implica atti traumatici, tra cui il licenziamento di almeno 1/5 dei dipendenti pubblici e riduzioni di salario, oggi osservabili nella gestione esterna della Grecia, che destabilizzerebbero la nazione. Per questo motivo sarebbe vitale per l’interesse nazionale che la politica italiana riuscisse a realizzare il medesimo riequilibrio, ma in modi sovrani e calibrati per evitare shock. Tuttavia, osservando le espressioni dei partiti in questi giorni, mi sembra evidente che una parte notevole della politica italiana non abbia chiaro quale sia il binario ed il rischio di commissariamento se deragliasse. Uomini e donne dei partiti si comportano come se l’Italia fosse sovrana, e non parte dell’Eurozona, nonché economicamente sana invece che malata, e potesse permettersi il lusso di emozioni ed opzioni politiche non vincolate al binario di riequilibrio. Ritengo importante sottolineare che tale lusso non possiamo permettercelo.

(c) 2013 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli