Più volte su queste pagine ho sostenuto che se si tagliassero 100 miliardi di spesa e tasse l’economia italiana invertirebbe velocemente la tendenza al declino, in particolare la deindustrializzazione, e che – aggiungendo misure di liberalizzazione e deburocratizzazione - perfino volerebbe. Ho ricevuto reazioni entusiastiche dal popolo che vive di mercato, sia dipendenti sia imprenditori, commercianti e professionisti, molte espresse con le stesse parole usate dal presidente di Confindustria, Squinzi, sabato scorso: “moriamo di tasse”. Ma ho anche ricevuto insulti da parte del popolo che vive di denaro pubblico: un taglio del genere significa macelleria sociale, ecc.. Ritengo sia un buon momento per chiarire che, se fosse attuato, il taglio di spesa indicato non implicherebbe alcuna riduzione dei servizi pubblici essenziali né delle garanzie per chi è in situazione di bisogno. Proprio la formula proposta da Squinzi permette tale chiarimento. Lo Stato, semplificando, eroga ogni anno circa 30 miliardi alle imprese in forma di incentivi ed aiuti. Di questi solo 3 miliardi vanno alle imprese private, il resto finanzia una miriade di società pubbliche, nazionali e locali. Squinzi, correttamente, propone di tagliare tali trasferimenti, di risparmiare così 30 miliardi di spesa, e di ridurre per tutte le aziende le tasse di altrettanto. Questo serve a dire che molta spesa pubblica in Italia non serve a finanziare lo Stato sociale, ma carrozzoni inutili o inefficienti gestiti, in sostanza, dai partiti. Certo, l’autobus che serve un Comune di montagna con pochi abitanti opera in perdita, ma non si può lasciare quella comunità senza servizi ed è giusto che il denaro fiscale se ne faccia carico. Ma casi come questi costano, per dire, 1 miliardo e non 30. Le aziende pubbliche che ricevono sussidi pubblici riducono i costi per i cittadini? Per niente, per esempio le bollette elettriche sempre in aumento delle municipalizzate. Pertanto, se si tagliano 29 miliardi di trasferimenti alle imprese e si riducono di altrettanto le tasse non cambia niente sul piano della socialità dello Stato. Cambia molto, invece, per il magna magna del politicume che affolla le aziende pubbliche: queste sarebbero costrette a maggiore efficienza, tagliando i costi inutili interni che ora vengono finanziati con denaro fiscale. Il punto: il resto dei 71 miliardi, oltre ai 29 circa detti, ha caratteristiche simili e può essere tagliato senza intaccare garanzie essenziali, permettendo così di ridurre le tasse di quasi 7 punti di Pil: la vita. Ho ricevuto anche parecchi pareri e suggerimenti da colleghi che invitavano a calcolare: (a) l’impatto deflazionistico, cioè recessivo, di un taglio così forte della spesa pubblica; (b) il come inserire il taglio di 100 miliardi nello scenario di pareggio di bilancio obbligatorio entro il 2013 e di riduzione del debito per un ventesimo all’anno imposto dal trattato “Fiscal Compact”. Il mio gruppo di ricerca stima che se al taglio della spesa - in tre anni - corrisponde un immediato taglio delle tasse l’impatto deflazionistico sarebbe minimo e breve (sei mesi) alla condizione di una certa ripresa della domanda globale e del mercato europeo. Il taglio di spesa e tasse come detto non pregiudica il pareggio di bilancio, anzi ne migliora le prospettive in base al calcolo di “pareggio strutturale” e non “contabile. Il gettito aumenterebbe grazie a più crescita e ciò sia manterrebbe solido l’avanzo primario di bilancio che serve a ripagare il debito sia alzerebbe il denominatore del rapporto debito/Pil rendendo il vincolo più sostenibile. In conclusione, un taglio di spesa e tasse di 100 miliardi appare fattibilissimo. Bisogna “solo” superare la resistenza di circa 800.000 persone che vivono di mestieri politici improduttivi.

PS Cari lettori dell’Esarcato + San Marino, non so se lo sapete, ma tra poco il Direttore Fregni andrà in Libano, “inlettato” (embedded) nel contingente italiano che svolge la missione ONU di interposizione tra israeliani e Hezbollah. Ma cosa è successo in Romagna per costringerlo a scegliere il Libano, che risentirà pericolosamente della destabilizzazione della Siria, piuttosto che godersi in tranquillità le meraviglie della zona?

" /> Più volte su queste pagine ho sostenuto che se si tagliassero 100 miliardi di spesa e tasse l’economia italiana invertirebbe velocemente la tendenza al declino, in particolare la deindustrializzazione, e che – aggiungendo misure di liberalizzazione e deburocratizzazione - perfino volerebbe. Ho ricevuto reazioni entusiastiche dal popolo che vive di mercato, sia dipendenti sia imprenditori, commercianti e professionisti, molte espresse con le stesse parole usate dal presidente di Confindustria, Squinzi, sabato scorso: “moriamo di tasse”. Ma ho anche ricevuto insulti da parte del popolo che vive di denaro pubblico: un taglio del genere significa macelleria sociale, ecc.. Ritengo sia un buon momento per chiarire che, se fosse attuato, il taglio di spesa indicato non implicherebbe alcuna riduzione dei servizi pubblici essenziali né delle garanzie per chi è in situazione di bisogno. Proprio la formula proposta da Squinzi permette tale chiarimento. Lo Stato, semplificando, eroga ogni anno circa 30 miliardi alle imprese in forma di incentivi ed aiuti. Di questi solo 3 miliardi vanno alle imprese private, il resto finanzia una miriade di società pubbliche, nazionali e locali. Squinzi, correttamente, propone di tagliare tali trasferimenti, di risparmiare così 30 miliardi di spesa, e di ridurre per tutte le aziende le tasse di altrettanto. Questo serve a dire che molta spesa pubblica in Italia non serve a finanziare lo Stato sociale, ma carrozzoni inutili o inefficienti gestiti, in sostanza, dai partiti. Certo, l’autobus che serve un Comune di montagna con pochi abitanti opera in perdita, ma non si può lasciare quella comunità senza servizi ed è giusto che il denaro fiscale se ne faccia carico. Ma casi come questi costano, per dire, 1 miliardo e non 30. Le aziende pubbliche che ricevono sussidi pubblici riducono i costi per i cittadini? Per niente, per esempio le bollette elettriche sempre in aumento delle municipalizzate. Pertanto, se si tagliano 29 miliardi di trasferimenti alle imprese e si riducono di altrettanto le tasse non cambia niente sul piano della socialità dello Stato. Cambia molto, invece, per il magna magna del politicume che affolla le aziende pubbliche: queste sarebbero costrette a maggiore efficienza, tagliando i costi inutili interni che ora vengono finanziati con denaro fiscale. Il punto: il resto dei 71 miliardi, oltre ai 29 circa detti, ha caratteristiche simili e può essere tagliato senza intaccare garanzie essenziali, permettendo così di ridurre le tasse di quasi 7 punti di Pil: la vita. Ho ricevuto anche parecchi pareri e suggerimenti da colleghi che invitavano a calcolare: (a) l’impatto deflazionistico, cioè recessivo, di un taglio così forte della spesa pubblica; (b) il come inserire il taglio di 100 miliardi nello scenario di pareggio di bilancio obbligatorio entro il 2013 e di riduzione del debito per un ventesimo all’anno imposto dal trattato “Fiscal Compact”. Il mio gruppo di ricerca stima che se al taglio della spesa - in tre anni - corrisponde un immediato taglio delle tasse l’impatto deflazionistico sarebbe minimo e breve (sei mesi) alla condizione di una certa ripresa della domanda globale e del mercato europeo. Il taglio di spesa e tasse come detto non pregiudica il pareggio di bilancio, anzi ne migliora le prospettive in base al calcolo di “pareggio strutturale” e non “contabile. Il gettito aumenterebbe grazie a più crescita e ciò sia manterrebbe solido l’avanzo primario di bilancio che serve a ripagare il debito sia alzerebbe il denominatore del rapporto debito/Pil rendendo il vincolo più sostenibile. In conclusione, un taglio di spesa e tasse di 100 miliardi appare fattibilissimo. Bisogna “solo” superare la resistenza di circa 800.000 persone che vivono di mestieri politici improduttivi.

PS Cari lettori dell’Esarcato + San Marino, non so se lo sapete, ma tra poco il Direttore Fregni andrà in Libano, “inlettato” (embedded) nel contingente italiano che svolge la missione ONU di interposizione tra israeliani e Hezbollah. Ma cosa è successo in Romagna per costringerlo a scegliere il Libano, che risentirà pericolosamente della destabilizzazione della Siria, piuttosto che godersi in tranquillità le meraviglie della zona?

"/> Più volte su queste pagine ho sostenuto che se si tagliassero 100 miliardi di spesa e tasse l’economia italiana invertirebbe velocemente la tendenza al declino, in particolare la deindustrializzazione, e che – aggiungendo misure di liberalizzazione e deburocratizzazione - perfino volerebbe. Ho ricevuto reazioni entusiastiche dal popolo che vive di mercato, sia dipendenti sia imprenditori, commercianti e professionisti, molte espresse con le stesse parole usate dal presidente di Confindustria, Squinzi, sabato scorso: “moriamo di tasse”. Ma ho anche ricevuto insulti da parte del popolo che vive di denaro pubblico: un taglio del genere significa macelleria sociale, ecc.. Ritengo sia un buon momento per chiarire che, se fosse attuato, il taglio di spesa indicato non implicherebbe alcuna riduzione dei servizi pubblici essenziali né delle garanzie per chi è in situazione di bisogno. Proprio la formula proposta da Squinzi permette tale chiarimento. Lo Stato, semplificando, eroga ogni anno circa 30 miliardi alle imprese in forma di incentivi ed aiuti. Di questi solo 3 miliardi vanno alle imprese private, il resto finanzia una miriade di società pubbliche, nazionali e locali. Squinzi, correttamente, propone di tagliare tali trasferimenti, di risparmiare così 30 miliardi di spesa, e di ridurre per tutte le aziende le tasse di altrettanto. Questo serve a dire che molta spesa pubblica in Italia non serve a finanziare lo Stato sociale, ma carrozzoni inutili o inefficienti gestiti, in sostanza, dai partiti. Certo, l’autobus che serve un Comune di montagna con pochi abitanti opera in perdita, ma non si può lasciare quella comunità senza servizi ed è giusto che il denaro fiscale se ne faccia carico. Ma casi come questi costano, per dire, 1 miliardo e non 30. Le aziende pubbliche che ricevono sussidi pubblici riducono i costi per i cittadini? Per niente, per esempio le bollette elettriche sempre in aumento delle municipalizzate. Pertanto, se si tagliano 29 miliardi di trasferimenti alle imprese e si riducono di altrettanto le tasse non cambia niente sul piano della socialità dello Stato. Cambia molto, invece, per il magna magna del politicume che affolla le aziende pubbliche: queste sarebbero costrette a maggiore efficienza, tagliando i costi inutili interni che ora vengono finanziati con denaro fiscale. Il punto: il resto dei 71 miliardi, oltre ai 29 circa detti, ha caratteristiche simili e può essere tagliato senza intaccare garanzie essenziali, permettendo così di ridurre le tasse di quasi 7 punti di Pil: la vita. Ho ricevuto anche parecchi pareri e suggerimenti da colleghi che invitavano a calcolare: (a) l’impatto deflazionistico, cioè recessivo, di un taglio così forte della spesa pubblica; (b) il come inserire il taglio di 100 miliardi nello scenario di pareggio di bilancio obbligatorio entro il 2013 e di riduzione del debito per un ventesimo all’anno imposto dal trattato “Fiscal Compact”. Il mio gruppo di ricerca stima che se al taglio della spesa - in tre anni - corrisponde un immediato taglio delle tasse l’impatto deflazionistico sarebbe minimo e breve (sei mesi) alla condizione di una certa ripresa della domanda globale e del mercato europeo. Il taglio di spesa e tasse come detto non pregiudica il pareggio di bilancio, anzi ne migliora le prospettive in base al calcolo di “pareggio strutturale” e non “contabile. Il gettito aumenterebbe grazie a più crescita e ciò sia manterrebbe solido l’avanzo primario di bilancio che serve a ripagare il debito sia alzerebbe il denominatore del rapporto debito/Pil rendendo il vincolo più sostenibile. In conclusione, un taglio di spesa e tasse di 100 miliardi appare fattibilissimo. Bisogna “solo” superare la resistenza di circa 800.000 persone che vivono di mestieri politici improduttivi.

PS Cari lettori dell’Esarcato + San Marino, non so se lo sapete, ma tra poco il Direttore Fregni andrà in Libano, “inlettato” (embedded) nel contingente italiano che svolge la missione ONU di interposizione tra israeliani e Hezbollah. Ma cosa è successo in Romagna per costringerlo a scegliere il Libano, che risentirà pericolosamente della destabilizzazione della Siria, piuttosto che godersi in tranquillità le meraviglie della zona?

" />



 ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

La Voce di Romagna

2012-10-2

2/10/2012

Si possono tagliare spesa e tasse senza ridurre le garanzie

Più volte su queste pagine ho sostenuto che se si tagliassero 100 miliardi di spesa e tasse l’economia italiana invertirebbe velocemente la tendenza al declino, in particolare la deindustrializzazione, e che – aggiungendo misure di liberalizzazione e deburocratizzazione - perfino volerebbe. Ho ricevuto reazioni entusiastiche dal popolo che vive di mercato, sia dipendenti sia imprenditori, commercianti e professionisti, molte espresse con le stesse parole usate dal presidente di Confindustria, Squinzi, sabato scorso: “moriamo di tasse”. Ma ho anche ricevuto insulti da parte del popolo che vive di denaro pubblico: un taglio del genere significa macelleria sociale, ecc.. Ritengo sia un buon momento per chiarire che, se fosse attuato, il taglio di spesa indicato non implicherebbe alcuna riduzione dei servizi pubblici essenziali né delle garanzie per chi è in situazione di bisogno. Proprio la formula proposta da Squinzi permette tale chiarimento. Lo Stato, semplificando, eroga ogni anno circa 30 miliardi alle imprese in forma di incentivi ed aiuti. Di questi solo 3 miliardi vanno alle imprese private, il resto finanzia una miriade di società pubbliche, nazionali e locali. Squinzi, correttamente, propone di tagliare tali trasferimenti, di risparmiare così 30 miliardi di spesa, e di ridurre per tutte le aziende le tasse di altrettanto. Questo serve a dire che molta spesa pubblica in Italia non serve a finanziare lo Stato sociale, ma carrozzoni inutili o inefficienti gestiti, in sostanza, dai partiti. Certo, l’autobus che serve un Comune di montagna con pochi abitanti opera in perdita, ma non si può lasciare quella comunità senza servizi ed è giusto che il denaro fiscale se ne faccia carico. Ma casi come questi costano, per dire, 1 miliardo e non 30. Le aziende pubbliche che ricevono sussidi pubblici riducono i costi per i cittadini? Per niente, per esempio le bollette elettriche sempre in aumento delle municipalizzate. Pertanto, se si tagliano 29 miliardi di trasferimenti alle imprese e si riducono di altrettanto le tasse non cambia niente sul piano della socialità dello Stato. Cambia molto, invece, per il magna magna del politicume che affolla le aziende pubbliche: queste sarebbero costrette a maggiore efficienza, tagliando i costi inutili interni che ora vengono finanziati con denaro fiscale. Il punto: il resto dei 71 miliardi, oltre ai 29 circa detti, ha caratteristiche simili e può essere tagliato senza intaccare garanzie essenziali, permettendo così di ridurre le tasse di quasi 7 punti di Pil: la vita. Ho ricevuto anche parecchi pareri e suggerimenti da colleghi che invitavano a calcolare: (a) l’impatto deflazionistico, cioè recessivo, di un taglio così forte della spesa pubblica; (b) il come inserire il taglio di 100 miliardi nello scenario di pareggio di bilancio obbligatorio entro il 2013 e di riduzione del debito per un ventesimo all’anno imposto dal trattato “Fiscal Compact”. Il mio gruppo di ricerca stima che se al taglio della spesa - in tre anni - corrisponde un immediato taglio delle tasse l’impatto deflazionistico sarebbe minimo e breve (sei mesi) alla condizione di una certa ripresa della domanda globale e del mercato europeo. Il taglio di spesa e tasse come detto non pregiudica il pareggio di bilancio, anzi ne migliora le prospettive in base al calcolo di “pareggio strutturale” e non “contabile. Il gettito aumenterebbe grazie a più crescita e ciò sia manterrebbe solido l’avanzo primario di bilancio che serve a ripagare il debito sia alzerebbe il denominatore del rapporto debito/Pil rendendo il vincolo più sostenibile. In conclusione, un taglio di spesa e tasse di 100 miliardi appare fattibilissimo. Bisogna “solo” superare la resistenza di circa 800.000 persone che vivono di mestieri politici improduttivi.

PS Cari lettori dell’Esarcato + San Marino, non so se lo sapete, ma tra poco il Direttore Fregni andrà in Libano, “inlettato” (embedded) nel contingente italiano che svolge la missione ONU di interposizione tra israeliani e Hezbollah. Ma cosa è successo in Romagna per costringerlo a scegliere il Libano, che risentirà pericolosamente della destabilizzazione della Siria, piuttosto che godersi in tranquillità le meraviglie della zona?

(c) 2012 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli