ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

La Voce di Romagna

2007-12-24

24/12/2007

Il ritorno al pragmatismo europeo promette bene

Il Natale è una celebrazione della speranza. Non ci sono, tuttavia, buone notizie economiche in questa fine del 2007. Inoltre gli scenari per il 2008 mostrano seri problemi sia sul piano globale sia su quello italiano. Ma a ben guardare una buona notizia c’è. La sua rilevanza economica è sfuggita perchè non è stata evidenziata dalle cronache: il 21 dicembre sono stati cancellati i confini fisici tra il lato occidentale e quello orientale dell’Europa. Questo è un passo fondamentale per la formazione di un mercato unico europeo e la sua realizzazionefinale sarà un beneficio per tutti sul piano della ricchezza crescente. L’Europa ci ha fatto e si è fatta un meraviglioso regalo. Ed in questo c’è anche una lezione su cui riflettere.

L’idea di un’Europa senza confini (Trattato di Schengen) fu concepita nel 1985, a Milano, quando fu siglato l’Atto unico, e non nel successivo negoziato per il Trattato di Maastricht nei primi anni ’90. Questa annotazione è importante perché fino al 1989  la costruzione della casa comune europea fu attuata con un metodo diverso da quello di Maastricht. Si chiamava “metodo funzionalista” e, in sostanza, si basava sul principio di “integrazione graduale”, dal basso verso l’alto. Mentre dopo il 1992, ed il 1999 con il lancio della moneta unica, la costruzione europea venne tentata dall’alto verso il basso, attraverso colpi di unificazione forzata. Che non hanno funzionato perché le singole nazioni si sono trovate a disagio nel cedere la sovranità in settori in cui non si sentivano pronte a farlo. Infatti l’Europa disegnata a Maastricht, per esempio il tentativo di Costituzione Europea, può dirsi ormai fallita. Recentemente, a Lisbona, i governi si sono accordati per salvare l’impianto europeo, ma svoltando chiaramente verso un modello di Europa delle nazioni, dove le seconde sono più forti della prima, abbandonando quello di una Unione europea con forza superiore alle nazioni stesse. Molti hanno commentato con amarezza questo ritorno al passato percependo nell’affermazione degli interessi nazionali su quello europeo una regressione. Chi scrive, invece, ritiene che tale svolta renderà più veloce l’integrazione europea sostanziale. Proprio l’estensione del Trattato di Schengen ai Paesi europei orientali, con l’eccezione di Romania e Bulgaria, ne è una prova. Il metodo funzionalista prescrive di integrare le nazioni europee in quei settori dove tutti riconoscono un vantaggio e di posporre quelli dove una o più sentono problemi, lasciando al futuro le soluzioni di integrazione ulteriore. Senza strappi o forzature. Grazie all’applicazione di tale metodo possiamo andare da Lisbona ad Helsinki, e da Stoccolma a Palermo, in auto senza mai trovare una dogana. Con il metodo dello strappo, invece, abbiamo costruito molto meno e perfino rischiato la dissoluzione. Il messaggio è chiaro: il tentativo gerarchico ed accelerato di costruire un mercato unico europeo è fallito. Ma quello funzionalista/pragmatico mostra di saper dare risultati, pur più lentamente. Prima della Costituzione europea sarebbe più utile avere un Codice civile europeo unico, un sistema borsistico e bancario integrato e, appunto, la cancellazione delle barriere doganali e delle sbarre di confine. In conclusione, bisogna tornare al sano pragmatismo ed abbandonare l’idealismo. Così funzionerà e l’Europa diventerà un mercato di mezzo miliardo di persone, ordinato secondo regole europee, nostre, grande abbastanza per reggere qualsiasi tempesta globale. L’ottimismo per il futuro è quindi giustificato. 

(c) 2007 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli