ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
back

Lettere a CP del 2016

19/12/2016

Grazie Dr Pelanda, ho letto con interesse l'articolo su Brescia Oggi.

Lavoro da 35 anni per aziende soprattutto italiane (Olivetti, Eltek, ecc) e ultimamente una tedesca con filiale a Torino. I nostri clienti, molti tra Milano, Bergamo e Brescia, lavorano direttamente o indirettamente per l'estero, la grande azienda italiana che produce in Italia non è più purtroppo un riferimento per la piccola e media industria. Mentre la grande industria tedesca trascina le Pmi di mezza europa, Italia inclusa, ma perché? Da dove arriva questa immensa forza industriale e finanziaria? In Italia non mancano competenze, gusto, design, capacità creative, ecc. Non mi interessa parlare di tasse, peso e inefficienza dell'amm pubblica, sono problemi reali ma non più determinanti perché irrisolvibili per mentalità.
Prendiamo la Zeiss (ottica), il fondatore Karl ha lasciato l'azienda senza venderla, ne è semplicemente uscito, la Zeiss è stata blindata in una Stiftung: l'azienda è proprietaria di se stessa, non può essere venduta o cambiare nome, utili tutti reinvestiti, comitato esterno di controllo, basta. La Zeiss è una Stiftung da 130 anni, oggi ha 40.000 WW dipendenti, cresce in tutto il mondo. Sono Stiftung: Robert Bosch (290.000 dip), Siemens (430.000), VW/Audi/Lamborghini/Ducati, Lidl, Heidenheim, Bertelsmann, e altri 1500 gruppi. Da ottobre la Giorgio Armani con 2,4 MRD di fatturato. Le Stiftung sono il motore industriale dell'intera Europa, aziende che reinvestono tutto in formazione, ricerca, stabilimenti.
Senza le Stiftung la Germania industriale non esisterebbe come la conosciamo, le Stiftung proteggono le imprese da scalate speculative, vendita del patrimonio edilizio, brevettuale, marchi, ecc.
Solo le Stiftung in Europa possono essere il futuro perché sono il presente, anche la Merkel se ne avvantaggia, facile far finta di far politica se seduti su un motore formidabile simile.

Alle aziende private per crescere non servono necessariamente finanziamenti, è sufficiente non derubarle, dall'esterno (tassazione eccessiva, sono d'accordo con Lei) e dall'interno (amministratori ingordi e senza controllo).

Armani, Ducati, Lamborghini, Ital Design sono nello statuto giusto, dobbiamo assolutamente allargare questa visione e ne usciamo alla grande.

Cordialmente
Marco List

12/12/2016

Egregio Professore

Mi dispiace che un economista della sua statura debba fare il profeta in patria, che le sue lucide analisi debbano restare lettera morta, però se posso permettermi proverò a stupirla ancora una volta.
Dunque Le dicevo, non credo che per prendere ordini dalla UE e dai poteri forti sia necessario un governo o un parlamento, per ridurre i costi della politica sono sufficienti i Direttori Generali dei singoli Ministeri, coordinati da un Vigile Fuoco, l'unico che per noi si butterebbe nel fuoco.
Le rinnovo i sensi della mia profonda stima.

3/12/2016

Volevo complimentarmi con Lei riguardo all' OTTIMO articolo scritto su SUSSIDIARIO.NET

COMPLIMENTI ancora
Buona giornata 
Buon lavoro

Thimsel d'Ambrosio

28/11/2016

Egregio dottor Pelanda

ho letto oggi l'editoriale sul giornale l'Arena di Verona e nella conclusione invitava il governo italiano per la difesa dell'Italia dai denigratori internazionali delFmi nei nostri confronti.C'è stato un difensore strenuo che si chiama Berlusconi e si è visto che fine ha fatto politicamente perchè i nemici italici non sono solo all'estero ma li abbiamo in casa feroci come lupi affamati
Cordiali saluti
Nale Giovanni Battista
18/11/2016

Caro professore,

nell’arco di alcuni mesi,con notevole accelerazione,si riporta l’attenzione sull’importanza del debito pubblico italiano soggetto alla valutazione dei protagonisti della finanza internazionale.

Le guerre guerreggiate e il presumibile disimpegno degli USA nei confronti della NATO hanno messo in moto gli stati europei nel rivalutare la tesi di una forza militare comunitaria.

In quest’ottica riprende peso il discorso di tutelare unitariamente i beni immobili dell’arte europea. Gli esempi partecipativi al recupero di Pompei,e altri interventi per i danni sismici,rendono la materia più comprensibile.

Far confluire in un unico fondo europeo la gestione,manutenzione e recupero dei beni immobili di rilevante valore storico-artistico farebbe rinascere il valoreunitario della cultura in questo delicato momento storico.

Un ente analogo all’Unesco potrebbe delineare i limiti e gli oggetti in questione,mentre una emanazione della banca europea potrebbe gestire questo fondo.

Lo stato italiano  con il suo innegabile primato qualitativo e quantitativo delle opere offrirebbe un esempio di generosa partecipazione ideologica,e nel contempo  rinuncerebbe alla tutela e gestione esclusiva di tali beni. (che per altro fa abbastanza male)

L’onere cessante valorizzato in un’ottica di lungo periodo andrebbe a migliorare la posizione debitoria dello stato ,con beneficio della finanza nazionale.

Credo sia il momento di  mettere in comune le idee e le persone che possono avviare questo processo,(referendum ad excludendum).

Se non ritiene opportuno un suo coinvolgimento,mi scuso per l’insistenza ,e la ringrazio e saluto cordialmente

Raffaele Picariello

19/9/2016

Ho ascoltato stamane la rassegna stampa di Rai 3 con particolare attenzione per la citazione del suo artcolo su “Il pericolo del debito record”.

Da una decina d’anni ho sollecitato giornali e politici affinchè prendessero coscienza del fatto che senza una iniziativa di grande rilievo che riducesse il debito pubblico di almeno un quarto,non sarebbe stato possibile avviare una seria ripresa economica in Italia. La fiducia dei vari governi sugli effetti trainanti di una ripresa economica mondiale che avrebbe privilegiato il nostro Paese, con le sue capacità esportative,a ridurre gradualmente il nostro debito in rapporto al PIL

ha illuso e deluso molti .

Milano Finanza tempo addietro ha cavalcato con un folto numero di adesioni un suggerimento rivolto al Governo affinchè ponesse mano ad una iniuziativa di carattere immobiliare per la creazione di un fondo internazionale al quale far concluire una serie rilevante dei beni pubblici.

Parte di questa iniziativa era un progetto del quale mi ero interessato relativo alla creazione di un Fondo Europeo di Tutela dei Beni Culturali (Musei- Gallerie d’Arte e Monumenti) affinchè ,in rapporto al valore dei beni ,i singoli paesi gestissero al meglio la loro fruizione ripartendone proporzionalmente gli utili.

Si discute su questi argomenti dai tempi della primo convegno organizzato dal Corriere della Sera a Firenze con la presidenza del Ministro Ronchey agli inizi di questo secolo.

Sono molto felice di aver trovato nella sua analisi lo spunto per una irrituale ripresa di questo discorso.

Le forme e i modi per un tema tanto importante debbono necessariamente coinvolgere tutte le parti interessate ; economiche,finanziarie,culturali e sociali. In sintesi il Governo  dovrebbe fare proprio  il titolo del suo articolo e metterci mano.

Grazie per l’attenzione e cordiali saluti

Raffaele Picariello

14/9/2016

Egregio Professore

ho letto con molto compiacimento il suo articolo sulla manovra prossima
e su quello che dovrebbe fare il "governo" per il 2017 e mi trovo
pienamente d'accordo.
Mi permetta di aggiungere una chiosa:

dopo la brexit le propongo una decisione ancora più dirompente
"chiediamo l'annessione agli USA".

Le basi ce le hanno già, venti milioni di discendenti italo-americani
ci sono e contano, legami culturali, economici ecc. sono fortissimi;
avremmo un governatore vero e lal'FBI a contrastare sul serio le mafie e
ad impedire ai partiti di chiedere permesso ai padrini e negrieri per
vendere meglio gli italiani.
In alternativa le rammento l'altra mia idea di un governo tecnico a
guida vigili del fuoco gli unici che ci amano e per noi si butterebbero
nel fuoco.
Un pensierino ce lo farei.

Suo
con profonda stima

Agdan

1/8/2016

Egregio dottore Pelanda ho letto con interesse l'editoria le di. questa mattina e ciò che mi lascia perplesso è la fine dell'articolo nel quale descrive perché non sì fanno riforme strutturali con la scusa della perdita di consensi elettorali. Ma i politici tutti non dicono che vogliono il bene del paese?se la riforma è buona forse non otterranno la riconferma ma di sicuro passerebbero alla storia.Crdiali saluti NALE Giovanni Battista 

25/7/2016
Ho letto il suo articolo sull'arena di oggi. Quanto mi rispecchio nelle sue parole! Ma il problema non sono le persone come lei che hanno voce per dire persone o come me che sentono sulla propria pelle il peso di quelle stesse parole, il problema sono i grossi capitali modello Maria Antonietta ormai distanti dalla società civile e i politicanti parolai che hanno cara principalmente alla propria poltrona. Nulla contro la ricchezza fino a quando non diventa fine a se stessa. Nulla contro la politica fino a quando non diventa esclusivo interesse personale. Spero solo che i miei figli siano migliori di me. E il mondo non debba passare attraverso nuove rivoluzioni delle quali l'isis potrebbe essere solo l'avanguardia.
 
Lorenzo de Pantz
12/7/2016
alla cortese attenzione Egr.Sig. Dott. Carlo Pelanda
 
 
Buongiorno,
 
Mi consenta , per favore, di esporre alcune considerazioni relative all’argomento in oggetto – oggi di importante e pressante
attualità , che ritengo importanti non solo per lo specifico problema della Energia...ma sopra tutto per l’arroganza pretesa nella
imposizione di Delibere e conseguenti “supine” accettazioni......per evidenti interessi...........!
 
vediamo :
 
DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014 , n. 102 .
Attuazione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica,
che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e
abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE.
 
Detto Decreto recepisce una Direttiva EU , “con molto sudore (?!)” composta per pretendere evidenti (?) risparmi sui consumi di
energia, nel caso principalmente GAS N , a servizio delle Caldaie da Riscaldamento che – dicevano - “consumano uno sproposito”....
guarda caso,specialmente in Italia.....
così , si é accettato quindi deciso di promulgare la 102/2014 , dopo varie proroghe di Delibere precedenti , con le direttive del caso.
 
Le relative Direttive impongono la installazione dei Ripartitori per il rilevamento dei Consumi,unitamente a Valvole Termostatiche per
le necessarie - ove richiesto e possibile – regolazioni.
Possiamo conseguentemente immaginare oltre ai ripartitori già installati per precedenti Normative, quanti altri dovranno essere
installati entro il 31 Dicembre 2016
Ma...guarda un pò ...  i Ripartitori in commercio utilizzano (tutti ) l’HARDWARE KUNDO ( made  of Germany ) ..... ! Un bel colpo per la Merkel..... !!
ed anche un bel colpo per il Governo Italiano che conseguentemente va ad incassare un bel po’ di IVA.........!!!.....perché mai avrebbero dovuto
opporsi .....?
 
in ossequio al tanto agognato risparmio di energia che molto probabilmente si sarebbe potuto – almeno in parte - ottenere sopra tutto
sostituendo le Caldaie Vetuste tuttora in attività principalmente presso gli edifici – migliaia - di competenza dello Stato....ma si sa....
questo costa....
mentre é più facile succhiare il sangue ai Cittadini ,......sopra tutto facendo un favore alla Germania..........!!!!!
 
Alla faccia dei Rapporti di indagine anche termotecnica elaborati in Regione Lombardia , per i quali risulterebbe che i Fabbricati idonei a
possibile e tecnicamente coerente / conveniente contabilizzazione siano circa non più del 50% del totale , quindi dove si troveranno i vantaggi per
tale operazione ? ...........e come faranno i Tecnici ad installare i Ripartitori su terminali posti in Fabbricati dove i muri,infissi ed altro non
consentono una corretta contabilizzazione ?
 
....e gli altri...quindi.... dovrebbero pagare per tutti ????
 
Grazie per l’attenzione ,
 
Cordiali saluti
 
Gino Vercesi
20020 Arese
11/7/2016
Egregio Professor Pelanda,

leggo sempre con interesse i suoi articoli che trovo sempre stimolanti e propositivi così come quello di ieri 10 luglio su Libero.
Come da parecchio tempo, Lei suggerisce di ridurre il debito pubblico attraverso la vendita del 20% del patrimonio di Stato, per circa 450 miliardi di euro.
Su questo punto a me sorge un dubbio:  chi decide i prezzi, i valori di immobili, concessioni, partecipazioni?
Nel mio piccolo,sto cercando da un anno di vendere un appartamento a Milano e partito da una cifra, sono arrivato a ridurla del 30% e purtroppo non sono ancora riuscito a vendere.
Ogni tanto, dai notiziari televisivi, sento affermare senza incertezze che sono stati sequestrati beni per svariati milioni di euro ad organizzazioni malavitose, ma chi ne decide il valore? chi pagherà quelle cifre?.
Mi sorge il dubbio che, anche le stime riportate dal suo gruppo di studio siano per così dire "sulla carta" e che con la realtà del mercato ce ne corra.
Un cordiale saluto da un suo affezionato lettore
Max Barbieri
12/6/2016

Secondo lei, scusi, la Gran Bretagna si esprime democraticamente e la Germania no? I governanti tedeschi non sono espressione di una democrazia?
C'era probabilmente una ragione per cui De Gaulle (non Adenauer) ha sempre negato ai britannici il consenso ad entrare nella CEE.
Temeva il cavallo di Troia, come si stanno rivelando. A loro interessava entrare per distruggerla al momento opportuno.
Loro non vogliono l'Ue, nè con loro dentro e tantomeno con loro fuori. Divide et impera. Hanno nostalgia del tempo corsaro.
I baltici non si fidano della Germania in funzione anti-russa? Non possiamo che esserne lieti, perché vuol dire che la Germania del XXI secolo ha cambiato strada. Evidentemente i Paesi baltici e l'Europa dell'est sono entrati in UE più che per cercare la pace con i commerci, per essere difesi militarmente.  E'un approccio diverso rispetto a quello dei padri fondatori della CEE. Loro bramano missili ed aerei sul loro territorio in funzione anti russa, noi cerchiamo di liberarcene.
A questo punto, anzi, sarebbe preferibile che la Gran Bretagna uscisse, cercando noi  di resistere ai contraccolpi. Una vittoria del no, striminzito, sarebbe peggio. Chi ha interesse a stare insieme continuerà a farlo, meglio di prima.

Saluti Miglio

11/3/2016

Buongiorno sig. Carlo Pelanda,
Leggo sempre i suoi interessanti redazionali su L'Arena di Verona.
Le invio una mia riflessione sulle misure dii Draghi, e manovre finanziarie in genere :

Credo che l'emissione di grandi quantità di soldi nel mercato serva a nulla.
Annullare , o portare a zero i tassi bancari, servirà a nulla.

Gli unici che possono risollevare l'economia sono gli imprenditori.
Dobbiamo aiutare gli imprenditori.
In che modo ?
Regole chiare e precise :
Riforma della giustizia civile : incassi certi, e non solo…
Riforma della giustizia penale : bancarotta fraudolenta 20/30 anni di carcere…
Fallimenti che devono essere chiusi entro 12 mesi.
Burocrazia….

Cosa voglio dire ?
Il governo deve aiutare gli imprenditori onesti e corretti.
L'etica è il 'fatto' fondamentale per superare la crisi.
Senza etica non vi è futuro.
La corruzione è il vero tumore dell'economia.

Tante altre cose da dire, ma non vorrei annoiarla.

Spero di ricevere un Suo parere.

Grazie , e saluti.
Dott. Gian Maria Bercelli

3/1/2016

Egregio professore, condivido appieno le sue osservazioni circa il calo
demografico. Da tempo rifletto sul problema della crescita economica e
sono propenso a pensare che non ci possa più essere una crescita robusta
proprio per ragioni demografiche. In Italia per esempio abbiamo:
un gran numero di vecchi che hanno scarse possibilità economiche oppure
non hanno più bisogno innovativi,
Pochi giovani rispetto al totale della popolazione che potrebbero spendere
e spesso non hanno possibilità economiche,
Poche nascite e sappiamo che i figli creano bisogni
Un numero decrescente di famiglie nel pieno della attività
Non ho i mezzi e le informazioni necessarie per quantificare quanto sopra,
lei col suo gruppo certamente può approfondire il tema se già non lo ha
fatto.
Cordiali saluti co stima e ammirazione
Paolo Faenza

FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli