ITALIANO


 VITA
  Biography    Gallery     Interview    Awards     CPTV

 PUBLICATION

  Books     Essays     Res. Reports
  Arrticles since 1998

 LETTERS

  Write to CP
  Read Letters    Archives

 SEARCH


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

Milano Finanza

2017-4-21

21/4/2017

La strategia delle bombe ha un preciso scopo politico

strategia tedesca non si basa più sul potere delle armi, ma su quello del denaro: garantisce contratti all’industria nazionale offrendo in cambio investimenti, anche creando via diplomazia economica una dipendenza politica della nazione ricevente da Berlino, situazione che poi moltiplica il potere tedesco. La Grande strategia statunitense ha obiettivi di mantenimento della leadership globale, e del potere di signoraggio del dollaro, con controparti che la sfidano e interlocutori che devono scegliere dove stare, valutando di chi è più forte. Tale visione geopolitica, pur dopo sbandamenti, è molto chiara. Così come è chiaro che Washington deve mostrare, prima, forza e determinazione sia ai competitori sia agli alleati, per poi poter instaurare con loro relazioni di confine, cioè di equilibrio tra potenze, o collaborazione strategica, considerando che Obama ha ridotto a zero la credibilità dissuasiva dell’America. E questo è esattamente ciò che lo staff di Trump sta cercando di fare. Da un lato, ciò in effetti aumenta un po’ la probabilità di gravi incidenti bellici. Ma alza di più la probabilità di un ordine mondiale presidiato da un guardiano credibile, configurazione necessaria per la stabilità futura dei mercati.

(c) 2017 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli