ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda

Milano Finanza

2015-9-11

11/9/2015

Verso un riequilibrio globale ad alto rischio

Nel mercato mondiale cresce il fabbisogno di fiducia dopo l’evidenza che una parte dei suoi produttori, le economie emergenti, i Brics, non è più in grado di sostenerla in termini di contributo alla domanda globale. I flussi di capitale che si stanno spostando dal mondo emergente a quello maturo, per lo più America ed Europa, mostrano in termini numerici la tendenza: centinaia di miliardi di dollari dall’inizio del 2015. Da un lato, nello scenario di breve termine, questo fenomeno premia la stabilità comparativa di economie inefficienti come quella europea o dagli andamenti prospettici incerti come quella statunitense, dando loro capitale aggiuntivo “esterno” a quello generato dalla postura espansiva delle rispettive Banche centrali. Dall’altro, nello scenario di medio termine, tale situazione, se non riequilibrata, comporta il rischio di un eccesso di concentrazione del capitale finanziario nel sistema euroamericano e una sua scarsità nel resto del mondo. Questa eventualità è fonte di gravi rischi o in forma di bolla, poi a sgonfiamento violento, nel sistema euroamericano e/o di recessioni a catena nelle economie emergenti, la cui somma poi, via implosione della domanda globale e crisi dell’export euroamericano, destabilizzerebbe l’unico centro rimasto forte del mercato mondiale. Soluzioni? Sostenere la Cina affinché non imploda e mantenga, pur ridotto, il suo contributo alla domanda globale. Ma questo sostegno, e quello alle altre economie emergenti esportatrici, implica che America ed Europa importino da loro molto di più. In altri termini, l’assorbimento da parte del sistema euroamericano di più importazioni sembra l’unico modo per colmare il gap di fiducia nel mercato mondiale e per ripristinare una globalizzazione diffusa del ciclo del capitale contro il rischio di quella concentrata. Nella crisi asiatica del 1997-98 il problema fu simile e la Fed lasciò basso il costo del denaro, mentre avrebbe dovuto alzarlo per frenare la bolla che stava montando, proprio per aiutare con più assorbimenti le economie esportatrici in panne. Oggi Fmi, Banca mondiale, e altri stanno raccomandando alla Fed di fare lo stesso, la Bce iperespansiva a lungo per necessità interna. Probabilmente non c’è altro da fare. Ma sembra corretto segnalare che per evitare la crisi peggiore a livello globale bisognerà rischiare una crisi “minore” in termini di bolla-sbolla nel sistema euroamericano, considerando che questa potrebbe essere non così minore. Ci vuole una buona idea ancora non in vista, più sul lato della (geo)politica che non su quello delle operazioni monetarie.

(c) 2015 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli