ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

L' Arena

2015-7-20

20/7/2015

La priorità di più investimenti privati

Le proiezioni più recenti indicano che la ripresa in Italia c’è, ma è lenta e poca. Bisogna capire come migliorarla in questo periodo che vede il governo impegnato nel preparare la legge finanziaria 2016. I numeri essenziali rilasciati da Banca d’Italia sono: Pil 2015 + 0,7%; 2016 + 1,5%; disoccupazione al 12% ed inflazione all’1% nel 2016. Si tratta di un rimbalzo troppo modesto dopo 3 anni di recessione. Il punto: che ci sia ripresa è una buona notizia, ma quale sia la giusta ripresa va calcolato in base alla velocità di riparazione dei danni fatti all’economia dalla recessione prolungata. Il ritmo di riassorbimento della disoccupazione è troppo lento e ciò è una mina sia politico-sociale (crisi di fiducia) sia tecnico-economica (stagnazione dei consumi) nel sistema. Come renderlo più veloce? Bisogna far girare di più il volano degli investimenti nel mercato interno. Su quelli con denaro pubblico si può contare poco per l’evidente difficoltà del governo di ridurre la spesa improduttiva ed aumentare quella per investimenti e/o dare spazio di bilancio a detassazioni stimolative nei vincoli di equilibrio finanziario imposto dalle euroregole. Per ottenere un taglio della spesa vicino ai 100 miliardi e tagliare le tasse di almeno 70, cosa che metterebbe l’Italia in boom ed in piena occupazione in 4 anni, bisogna aspettare un mutamento politico che cambi il modello economico del Paese, che però non è all’orizzonte. Operazioni strutturali, come quella di ridurre il debito valorizzando il patrimonio pubblico, cosa possibile per circa 500 miliardi, che comporterebbero risparmi annui di almeno 20 miliardi, utilizzabili per investimenti e/o detassazioni, trovano resistenze. Nel breve , pertanto, si può solo ricorrere ad un aumento degli investimenti privati, sbloccando ciò che li limita. La domanda di credito sta crescendo, grazie alla ripresina della fiducia, ma le banche ancora non la coprono tutta perché alcune nei guai e molte piene di crediti deteriorati. Il governo sta lavorando alla riparazione del sistema bancario, ma dovrebbe accelerare. Più vaga è l’azione per spostare l’enorme massa di risparmio privato dagli investimenti all’estero a quelli in Italia. Secondo me è priorità parallela incentivare via detassazione i fondi pensione e le casse professionali per spostare una parte dei loro soldi su veicoli finanziari che investono nell’economia reale italiana, considerando che la sua capacità di dare profitto aumenterebbe con più capitale. L’Italia è la nazione che nel mondo risparmia di più, ma investe di meno in patria: qui problema e soluzione.

(c) 2015 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli