ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

L' Arena

2015-1-19

19/1/2015

Verso la ripresa dell’ottimismo economico

In settimana sono attesi due stimoli importanti per l’economia: (a) la conferma da parte della Bce di un’azione straordinaria di reflazione dell’Eurozona che, in essenza, punta ad una svalutazione competitiva dell’euro; (b) la presentazione da parte del governo di un pacchetto di facilitazione degli investimenti. Possiamo sperare che la combinazione tra queste azioni riesca a portare la crescita del Pil dal misero 0,4% previsto da Banca d’Italia per il 2015 ad un’espansione economica più robusta? La svalutazione dell’euro certamente faciliterà l’export italiano nelle are non-euro. Ma l’effetto potrà essere maggiore o minore in relazione alla quantità della svalutazione e sua durata nonché agli andamenti dei mercati di sbocco. Al momento è prevedibile che il cambio euro-dollaro resti per almeno un anno tra l’1,10 e l’1,15 (la parità di potere d’acquisto tra i due è tra l’ 1,16 e l’1,17). Non sono escludibili ribassi maggiori, verso la parità 1 a 1, o crolli nel caso di incidenti sull’affidabilità del debito greco. Ma è anche probabile che America, Giappone e Cina non concedano troppo spazio di svalutazione all’euro per non pregiudicare l’export in dollari, yen e yuan. Pertanto è razionale mantenere per il 2015 la previsione detta e per il 2016 calcolare un cambio medio euro-dollaro tra l’1,16 e l’1,20. Se così, l’impulso per l’export italiano sarà buono, ma non eccezionale. L’effetto sul Pil italiano verrà, però, moltiplicato dal boom probabile dell’export tedesco che importa componenti dalle industrie italiane. Bisogna, tuttavia, tener conto di alcuni segni meno. Il crollo del mercato russo per sua implosione e per barriere all’importazione alzate come reazione alle sanzioni. Il minor assorbimento del mercato cinese perché in contrazione e di quelli delle nazioni produttrici di petrolio per la caduta del prezzo e quindi dei loro ricavi. Inoltre, la difficoltà di accedere ad un credito sufficiente da parte delle imprese italiane potrebbe ridurre il potenziale di sfruttamento dell’opportunità. Per questo motivo è importante l’effetto della facilitazione degli investimenti predisposta dal governo. Il pacchetto sarà adeguato? Bisogna aspettare i dettagli, ma probabilmente, pur stimolativo, non sarà sufficiente. Probabilmente il maggior impulso alla crescita verrà affidato all’importazione di turismo e di investimenti esteri attratti dal vantaggio valutario. Un primo calcolo ad occhio, che sintetizza queste considerazioni, porta il potenziale di crescita del Pil 2015 tra lo 0,8% e l’1,3% dallo 0,4% ora previsto. Ancora poco, ma sarebbe motivo di ritorno dell’ottimismo.

(c) 2015 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli