ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

L' Arena

2012-7-9

9/7/2012

Tempo di cambiamento totale

Molti lettori scrivono che a loro sembra stia cadendo il cielo addosso. In realtà non c’è una catastrofe, ma è in atto un riaggiustamento globale che in effetti costringe le nazioni ad un cambiamento discontinuo. Che va capito. Solo il mercato statunitense cresce grazie ai consumi interni mentre tutti gli altri più importanti – Cina, Giappone, Germania, ecc. – fanno crescita solo grazie all’export. In sintesi, l’economia non è veramente globale, ma dipende dalla crescita americana. Tale configurazione del mercato ha un motivo storico: nei decenni passati l’America assorbiva tante importazioni da indurre tutte le altre nazioni a darsi modelli economici più basati sull’export che sulla crescita interna. Anche perché tale scelta permetteva di mantenere un forte protezionismo sociale all’interno, cioè il consenso basato sull’assistenzialismo, perché la sua inefficienza era bilanciata dai profitti via esportazione. Ciò ha reso possibile creare e sostenere nelle nazioni esportatrici dei modelli inefficienti: il welfare assistenziale in Europa, il sistema consociativo in Asia, per esempio Giappone e Corea del Sud, e l’organizzazione disordinata e sbilanciata del mercato interno cinese. Ora la locomotiva americana è diventata troppo piccola per trainare tutto il pianeta. In più le si è bucata la caldaia nella crisi finanziaria del 2008. Per questo la sua crescita è insufficiente per reggere la domanda globale. E ciò costringe tutte le nazioni a fare più crescita interna e meno via export. Ma è difficilissimo cambiare modello interno in poco tempo. Infatti per prendere tempo senza cambiare e continuare il modello trainato dall’export le nazioni tendono prima a svalutare la moneta: la Cina endemicamente, l’America stessa, ecc. L’euro è rimasto alto perché per la Germania, in realtà, il suo valore di cambio, comparato al marco teorico, era competitivo. Ma tale valore ha ridotto la competitività del resto dell’Eurozona. Ora l’euro sarà abbassato, ma ciò non risolverà il problema. Le euronazioni dovranno per forza ridurre di almeno 1/3 spesa pubblica e tasse per lasciare più capitale nel mercato interno e permettergli di crescere via consumi ed investimenti. Il punto: il mercato finanziario teme che nazioni come l’Italia non riusciranno a ripagare il debito perché non sapranno cambiare il modello per fare più crescita interna nel nuovo mondo non più trainato dall’America. La salvezza della nazione si baserà su un cambiamento totale, e non certo su uno limitato, del modello economico. Preparatevi: il cielo cadrà addosso solo a chi non sa cambiare in tempo.

(c) 2012 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli