ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

L' Arena

2011-5-30

30/5/2011

L’impoverimento lento sta accelerando

Resta aperta la questione, in evidenza la scorsa settimana, se l’Italia si stia impoverendo o meno. I dati Istat, che hanno registrato un lieve incremento della popolazione a rischio di entrare nell’area di povertà, sono infatti diventati oggetto di interpretazioni partitiche, poi prevalenti nelle cronache, che ne hanno oscurato il significato. I governativi hanno sostenuto che il problema non c’è, gli anti lo hanno amplificato evocando una situazione tragica. Ambedue hanno sbagliato.

 L’Italia, con evidenza statistica dai primi anni ’90, ma per cause strutturali risalenti agli anni ’70, è in lento declino economico. Questa tendenza non ha ancora intaccato la configurazione della società italiana, evoluta negli anni della grande crescita post-bellica, caratterizzata da 2/3 della popolazione fatta da “ricchi” (cioè con capacità di risparmio dopo aver soddisfatto i bisogni primari) e da 1/3 di “poveri”. Ma ha modificato il destino probabile del 30% meno abbiente. Invece di poter sperare di accedere alla società del capitalismo di massa per questi è più probabile nel futuro prossimo la stagnazione dei redditi o perfino il loro peggioramento. I dati Istat, in sintesi, hanno registrato la continuità di questa tendenza. Cosa significa? Che la nostra società resta, in maggioranza, ricca, ma si sta lentamente spaccando tra ricchi e poveri. Altri dati mostrano che i ricchi non stanno diventando più ricchi e ciò mostra con chiarezza che il modello economico italiano non è più in grado di fare sviluppo, immagine confermata dai dati di crescita stagnante dai primi anni ’90: l’incremento del Pil in Italia tende ad essere 1/2 di quello medio europeo, 1/4 di quello americano ed 1/8  di quello medio delle economie emergenti. Segno evidente di un vincolo strutturale alla crescita. In parte ciò è dovuto alla stagnazione demografica (più figli sono la base primaria per più Pil). Ma in parte maggior ad un decremento di opportunità lavorative qualificate e ben remunerate, combinate con salari netti troppo bassi. In sintesi, il modello di welfare applicato in Italia negli anni ’70 soffoca la crescita del mercato interno, caricandolo di troppe tasse e vincoli. Il difetto di crescita del modello è stato fino a poco tempo fa bilanciato dalla spesa pubblica in deficit. Il reddito insufficiente dei lavoratori autonomi è stato bilanciato dall’evasione fiscale. Quello dei salariati da incrementi contrattuali. Ora queste tre valvole di ricchezza che hanno attutito la crisi del modello sono chiuse. La priorità del rigore impedirà il ricorso alla spesa in deficit, aumenterà la repressione di polizia fiscale e manterrà fermi i salari pubblici. La poca crescita (e produttività) manterrà in tensione negativa il mercato del lavoro inibendo aumenti nei salari dei dipendenti nel settore privato. La loro busta paga resterà carica di tasse lasciando uno spazio decrescente (per l’inflazione) per il risparmio ed i consumi. Tale situazione porta ad una accelerazione del declino/impoverimento finora lento. E’ difficile separare l’effetto di impoverimento contingente dovuto alla crisi del 2008 da quello causato dal modello. Ma è ovvio che l’impatto della crisi su un modello che non funziona sia causa di una ripresa molto lenta e di danni strutturali, tra i quali la perdita definitiva di parti della capacità industriali. In conclusione, il declino non è ancora tale da compromettere la capacità dell’economia italiana di tornare allo sviluppo, ma senza un cambio di modello ci saranno sempre meno risorse per contrastare l’impoverimento. Questa è la realtà.

(c) 2011 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli