ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia    Gallery     Interviste    Premi     CPTV

 PUBBLICAZIONI

  Libri    Saggi    Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere    Archivio

 CERCA


Carlo A. Pelanda
menu
fb Tw g+ print

L' Arena

2005-1-17

17/1/2005

La regola aurea

Oggi inizia il negoziato, che si concluderà nel marzo prossimo, per la modifica del Patto di stabilità. La scorsa settimana si sono profilate tre posizioni: (a) non cambiare le regole, ma inserire una valutazione discrezionale più elastica per gestirne le violazioni (Commissione, Almunia); (b) permettere alle nazioni con minor debito di sfondare il tetto di deficit annuo (Francia e Germania); (c) portare una parte della spesa pubblica per investimento fuori dal calcolo di stabilità, con un meccanismo chiamato “regola aurea” (proposto dall’Italia con il sostegno parziale di Francia e Germania). La Banca centrale europea, correttamente, ha posto il veto sulla seconda proposta. La prima è ambigua. Sorprendentemente il presidente di turno della Ue, Jean Claude Junker, ha sparato contro la terza senza nemmeno analizzarla.

 Il Patto ha tre difetti. Il limite di deficit annuo al 3% non garantisce comunque la stabilità dell’euro. Non distingue nel deficit ammesso quello cattivo dal buono. Non prevede alcuno spazio compatibile per gli incentivi allo sviluppo, né indiretti (deficit temporaneo per detassazione) né diretti (investimenti pubblici). La regola aurea (Golden rule) avrebbe la capacità di sanare questi difetti imponendo il pareggio dei bilanci statali sul piano della spesa corrente e portando fuori dal calcolo del deficit rilevante per l’eurostabilità le spese che sono chiaramente di investimento. Cosa vuol dire? Portare a zero il deficit “cattivo” (stabilità) e generare uno spazio compatibile con la stabilità stessa per quello “buono” (sviluppo). Il secondo può essere così definito perché riguarda investimenti di denaro pubblico che incrementano la crescita e la sua qualità – occupazionale, salariale - nel lungo termine: istruzione, ricerca, finanziamento di programmi tecnologici, infrastrutture, ecc. Lo Stato non deve essere imprenditore, guai, ma certamente deve servire l’economia agendo come una sorta di banca d’investimento che finanzia quei programmi dove il mercato non può arrivare perché il ritorno dell’investimento stesso è troppo lungo o indiretto. Per esempio, un soggetto di mercato non investirà mai su un giovane la cui maggiore qualità educativa produrrà più crescita sistemica dopo 25 anni né, tantomeno, su programmi di ricerca pura non-finalizzata ad alti costi e rischio che, tuttavia, sono base essenziale per le novità ed innovazioni concrete. Per questo ci vuole un “investitore di sistema” che è lo Stato stesso. Ora il Patto non lascia fare tale mestiere agli Stati diventando così impoverente, deflazionistico. Con la complicazione di lasciarli liberi di accendere deficit cattivi di spesa improduttiva, inflazionistica. In sintesi, la regola aurea porrebbe un limite più netto e rigoroso al deficit cattivo e libererebbe risorse per quello portatore di sviluppo. Perché Junker si è messo di traverso? Teme che gli Stati usino la finestra di deficit buono per nascondervi quello cattivo. Ma evitare tali storture sarebbe semplice con due regole. Prima, in ogni caso il deficit buono non deve mai superare il 3% annuo del Pil, stabilito il deficit zero sul piano della spesa corrente. Seconda, la spesa di investimento in deficit va certificata sul piano europeo, una sorta di bollino blu, per provarne la sua necessità, sostenibilità e qualità. Per esempio, se l’Italia – portato a zero il deficit di spesa corrente – potesse poi impiegare un 2% del Pil in deficit per sviluppo ci sarebbero circa 24 miliardi da investire annualmente in istruzione, ricerca, strade e tecnologie. In tal caso il Patto favorirebbe la crescita garantendo anche la stabilità finanziaria. Sarebbe sorprendente una bocciatura della regola aurea senza un esame più approfondito

(c) 2005 Carlo Pelanda
FB TW G+

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: public@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli